Liga, Barcellona e Girona danno via libera per giocare in campionato a Miami

Barcellona e Girona hanno dato il via libera per giocare a Miami una partita del campionato di calcio spagnolo, secondo un comunicato rilasciato oggi dalla Liga spagnola. Ora manca solo l'autorizzazione della Federcalcio spagnola (RFEF) per trasformare in realtà la prima partita della Liga fuori dal paese. Barcellona, ​​Girona e LaLiga hanno inviato una lettera alla RFEF chiedendo l'approvazione per l'organizzazione della partita nella città degli Stati Uniti. La lettera è firmata da Josep María Bartomeu, Delfí Geli e Javier Tebas, rispettivamente presidenti di Barcellona, ​​Girona e LaLiga. Se la RFEF approverà la richiesta, la partita tra Girona e Barcellona della 21esima giornata sarà giocata a Miami. La Liga ha già un programma che prevede la gara il 26 gennaio alle 14:45 a Miami (20:45 ora spagnola) all'Hard Rock Stadium. La Liga ha rilasciato la dichiarazione dopo aver raggiunto un accordo sulla compensazione per i tifosi.

L'incontro era programmato allo stadio Montilivi di Girona, quindi i tifosi della squadra catalana che hanno comprato l'abbonamento per l'intera stagione saranno premiati. Non è ancora noto quale tipo di accordo è stato raggiunto. Inoltre, LaLiga si è riunita lunedì con l'Associazione dei calciatori spagnoli (AFE), che ha minacciato uno sciopero quando ha saputo dei piani dei club. Secondo i media Laliga avrebbe offerto all'AFE migliori condizioni per i giocatori e uno 'stagè negli Stati Uniti con tutte le spese pagate per una selezione di giocatori che attualmente non hanno una squadra. LaLiga lanciò inizialmente i suoi piani senza prima consultare club, calciatori e tifosi.
 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Ritrovata Giusy Pepi, era in fila per mangiare alla Caritas. Il marito: «Per lei la porta non è aperta»
Kenya, rapita Silvia Romano volontaria italiana di 23 anni in un attacco ad un mercato a 80 chilometri da Malindi
Smartphone vietato in auto, nemmeno con gli auricolari: «Patente sospesa»
Olio in offerta al Lidl, assalto al supermercato tra insulti e spintoni: «Figlio di p***»
«C'è un dottore libero?»: ciclista si presenta in ospedale con un coltello conficcato in testa