Negramaro in ansia per Lele Spedicato, le lacrime della moglie del chitarrista: «Sei il mio tutto»

Le lacrime della moglie di Lele Spedicato, chitarrista dei Negramaro ricoverato al Vito Fazzi di Lecce a seguito di un'emorrogia cerebrale. «Già due volte, per esperienze personali, la natura... il corso degli eventi mi hanno messa davanti all’ineluttabilità della vita - inzia così il post sui social di Clio Evans, attrice teatrale - E alla consapevolezza della fragilità umana. Ma adesso è diverso perché lo STOP/PAUSE è accaduto alla persona più bella che io abbia mai conosciuto, al mio presente, al mio futuro. Al mio tutto. All’Amore in persona». 

Negramaro, come sta Lele Spedicato: ecco cosa dicono i medici

La frase choc contro il chitarrista: «Spero che muoia perché fa musica di me**a»​

«Scrivo GRAZIE ad amici vicini e lontani - prosegue - a sconosciuti e conoscenti, a stars e a fans per il sostegno, per le preghiere e per l’energia positiva che state dimostrando. Sono certa che in qualche modo gli stia arrivando quest’ondata di amore, incoraggiandolo a reagire ancora più forte. E conoscendolo, anche Lele vi ringrazierebbe con un abbraccio uno ad uno!». 
 
L'ultimo bollettino medico parlava di Lele Spedicato «in condizioni ancora stazionarie». I medici stanno continuando a monitorare i parametri vitali e l'evoluzione della grave emorragia cerebrale che lo ha colpito. «La prognosi è tuttora riservata, saranno necessari diversi giorni per poter valutare gli sviluppi del quadro clinico neurologico», si legge nel bollettino. 
 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Ha una rarissima malattia, Alessandro cerca donatore di midollo. «Gli restano 5 settimane»
​Fedez, festa a sorpresa in un supermercato, poi le scuse e tutti a casa: «Indignatevi pure per Masterchef allora»
Muore a 26 anni Angelica Angelinetta: è stata la paladina della lotta alla fibrosi cistica
Scuola, da domani niente certificato dopo cinque giorni di assenza
Croissant ritirati per rischio salmonella, Bauli accusa la Asl: «Analisi sbagliate, ci tuteleremo»