Negramaro in ansia per Lele Spedicato, le lacrime della moglie del chitarrista: «Sei il mio tutto»

Le lacrime della moglie di Lele Spedicato, chitarrista dei Negramaro ricoverato al Vito Fazzi di Lecce a seguito di un'emorrogia cerebrale. «Già due volte, per esperienze personali, la natura... il corso degli eventi mi hanno messa davanti all’ineluttabilità della vita - inzia così il post sui social di Clio Evans, attrice teatrale - E alla consapevolezza della fragilità umana. Ma adesso è diverso perché lo STOP/PAUSE è accaduto alla persona più bella che io abbia mai conosciuto, al mio presente, al mio futuro. Al mio tutto. All’Amore in persona». 

Negramaro, come sta Lele Spedicato: ecco cosa dicono i medici

La frase choc contro il chitarrista: «Spero che muoia perché fa musica di me**a»​

«Scrivo GRAZIE ad amici vicini e lontani - prosegue - a sconosciuti e conoscenti, a stars e a fans per il sostegno, per le preghiere e per l’energia positiva che state dimostrando. Sono certa che in qualche modo gli stia arrivando quest’ondata di amore, incoraggiandolo a reagire ancora più forte. E conoscendolo, anche Lele vi ringrazierebbe con un abbraccio uno ad uno!». 
 
L'ultimo bollettino medico parlava di Lele Spedicato «in condizioni ancora stazionarie». I medici stanno continuando a monitorare i parametri vitali e l'evoluzione della grave emorragia cerebrale che lo ha colpito. «La prognosi è tuttora riservata, saranno necessari diversi giorni per poter valutare gli sviluppi del quadro clinico neurologico», si legge nel bollettino. 
 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Imprenditore offre lavoro a 1500 euro al mese, ma non trova nessuno: «Preferiscono il reddito di cittadinanza»
Allarme Scabbia a scuola: avvisate famiglie e compagni di classe
Ordina un piatto di ostriche da 13 euro, all'interno trova una perla che ne vale quasi duemila
Estrazioni Lotto, Superenalotto e 10eLotto di oggi martedì 18 dicembre 2018: i numeri vincenti
Le pagelle Tv del 2018: promossi il mondiale targato Mediaset e il Sanremo di Baglioni. Male Saviano e Diletta Leotta