Lele Spedicato dei Negramaro, news a una settimana dal ricovero

Come sta Lele Spedicato? Il chitarrista dei Negramaro è stato ricoverato una settimana fa, e i fan continuano a chiedere degli ultimi aggiornamenti sulla sua salute. «È passata già una settimana, come sta Lele?», scrivono sulla pagina Facebook dei Negramaro, sotto a quell'ultimo post dedicato al chitarrista colpito da una emorragia cerebrale. 
Emanuele Lele Spedicato è al momento ancora ricoverato al reparto di Rianimazione dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce.

GfVip, Ilary Blasi e la battutaccia sull'omosessualità a Ivan Cattaneo: «Addrizza...»

Secondo quanto riferito nell'ultimo bollettino, le informazioni su Lele Spedicato sarebbero arrivate nei prossimi giorni: «Saranno necessari diversi giorni per poter valutare gli sviluppi del quadro clinico neurologico, per cui i sanitari ritengono opportuno rimandare ad un momento successivo ogni ulteriore comunicazione», hanno scritto i medici che lo hanno in cura.
 

Tanti i messaggi per il chitarrista dei Negramaro non solo dai fan e dalla moglie, ma anche dai colleghi del mondo dello spettacolo. A una settimana dal malore, Paola Turchi scrive: Inizia una nuova settimana. Che la forza sia con te Lele, non dimenticando l'hashtag #ForzaLele. Anche Biagio Antonacci e Fiorello hanno rivolto un pensiero a Lele Spedicato, che insieme alle migliaia di messaggi dei fan raccolgono l'appello dei Negramaro, che hanno scritto in un tweet: «Forza Lele!!! Forza Fratello nostro! Forza ragazzi, pensatelo intensamente fino a farlo tornare con noi. Qui è il tuo posto, Lele». 
 

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Mamma porta in grembo per 13 anni il feto gemello del figlio dato alla luce: nessuno se ne era accorto
Bimbo di 10 anni veglia la madre morta per un giorno. Poi va dai vicini: «Ha la faccia tutta nera»
Ritirare la patente a chi parla al cellulare: è la principale causa di incidenti stradali
Michelle Hunziker stronca Celentano: «Ecco perché sono fuggita da Adrian»
​​Achille Lauro: «Ho pagato i gioielli che mia madre aveva impegnato per coprire i debiti»