Giglia Marra incanta il pubblico del 75° festival di Venezia e conquista il web con “Noi Casomai” dei Tiromancino

L’attrice Giglia Marra, protagonista del nuovo video dei Tiromancino “Noi Casomai” presentato nelle Giornate degli Autori del 75° Festival di Venezia, ha incantato il pubblico con la sua interpretazione intensa e commovente recitando accanto a Francesco Montanari ed un cast d’eccezione.
Il video diretto dal suo compagno Federico Zampaglione è tra quelli più cliccati e nelle tendenze di youtube, solo nelle prime ore di uscita ha superato le 60 mila visualizzazioni e sui vari canali social dell’attrice sono apparsi  migliaia di commenti positivi da parte di molti fan.

“Noi casomai”, già programmatissimo in tutte le radio e sta scalando le classifiche, è un brano che il leader dei Tiromancino ha voluto dedicare alla Marra e a tutte quelle donne che entrando in punta di piedi… ma con coraggio nella vita di un uomo capaci di riportare luce e gioia nella vita dell’uomo. In occasione della proiezione del video, l’attrice è arrivata a Venezia con il suo staff ed ha sfilato sul red carpet con un meraviglioso abito di Gai Mattiolo.


«Se mi avessero detto da piccola: un giorno t'innamorerai di un cantante, un poeta che scriverà canzoni meravigliose ispirate a te, non ci avrei mai creduto! - commenta l'attrice - "Noi casomai" è una ballad d'amore che Federico ha dedicato a me e a tutte quelle donne che cambiano in positivo la vita di un uomo. Sono felicissima perché questo brano e la mia interpretazione sta piacendo molto».

 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Mamma infermiera uccide i figlioletti di 7 e 9 anni e si suicida. Ha lasciato due lettere: «Non ce la faccio più»
Napoli-Salerno, esplosione in galleria: inferno sui binari, cinque feriti. Circolazione sospesa
Papà si sveglia e trova la figlioletta di 4 mesi morta. L'esperto: «Bimbi a rischio se dormono nel lettone»
Estrazioni Lotto, Superenalotto e 10eLotto di oggi, giovedì 15 novembre 2018: i numeri estratti
Una lettera per sua mamma: «Non aprirla fino alle 18». Poi si suicida a 11 anni gettandosi da un ponte