Parla Adua, ex moglie di Pavarotti, a 11 anni dalla morte del Maestro: «Non fu vita facile»

Essere la moglie di un tenore famoso, una superstar come Luciano Pavarotti è stato «un lavoro a tempo pieno, non una vita facile» soprattutto se agli impegni familiari si aggiunge quello di essere agente del divo e di altri cantanti.

Parola di Adua Veroni, prima moglie di Pavarotti, che ricorda Big Luciano a 11 anni dalla morte, avvenuta il 6 settembre 2007: a Pesaro, città dove il cantante modenese aveva una villa e a cui era legatissimo, un convegno della Wunderkammer Orchestra ne studia le ragioni del successo, le caratteristiche vocali e momenti più personali.

Veroni è tra i relatori con un intervento dal titolo emblematico: «Da una vita normale allo star system: essere moglie e agente di Luciano Pavarotti». E oggi ricorda «una vita in giro per il mondo, senza privacy» accanto all'esperienza positiva di seguire e aiutare giovani cantanti. «Luciano voleva essere ricordato come un cantante lirico, non un'icona pop, La sua eredità? Grande voce, ma anche rigore nello studio e nella preparazione»

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Bus turistici in centro: fermi troppo a lungo? I sensori-spia avvisano i vigili
Medicinali, stangata in farmacia: aumento medio di un euro per 800 prodotti tra i più usati. Ecco quali sono
Chiara uccide la moglie dell'ex amante, la rabbia sui social: «Sei brutta, alla sedia elettrica subito»
Carabiniere va in pensione e muore a 54 anni d'infarto tra le braccia della moglie
Fabrizio Corona perde un dente a Verissimo, poi ammette: «Silvia Provvedi mi ha tradito con Fedez» Foto