Venerdì 13 è un giorno sfortunato? Ecco l'origine della superstizione

Venerdì 13 è una delle date più temute nella credenza popolare. Il motivo di tanta sfortuna risale alla mitologia scandinava. Esistevano, secondo la legenda, 12 semidei e poi arrivò il tredicesimo, Loki che però era crudele con gli uomini: da qui il 13, in quelle terre, è divenuto segno di malaugurio per poi diventarlo in tutto il resto del mondo.

 

Il motivo di tale credenza è anche dovuto alle più antiche concezioni astrologiche assiro-babilonesi (dove il 12 era numero sacro perché facilmente divisibile), quindi il 13 era un numero poco propizio. Ma il 13 è stato a lungo considerato numero sfortunato nel mondo anglosassone, in Italia, infatti, fino a qualche anno fa l'unico numero sfortunato era il 17.  Certo, nel nostro Paese essere in 13 a tavola non è ben visto da tutti: con un riferimento, molto probabilmente, all'Ultima Cena.

 

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Vasco Rossi vittima di una maxi truffa sui diamanti: «Ha investito 2,5 milioni». Tra i clienti anche Federica Panicucci. Indagini su 5 banche
Manuel Bortuzzo: «Mi hanno urlato figlio di..., poi lo sparo»
David, campione di atletica, muore a 16 anni: trovato senza vita dal padre in camera
Estrazioni di Lotto, Superenalotto e 10eLotto di oggi martedì 19 febbraio 2019
Chiara Ferragni, imbarazzo Fedez per il complemese di Leone: fetta di torta dimenticata