Venerdì 13 è un giorno sfortunato? Ecco l'origine della superstizione

Venerdì 13 è una delle date più temute nella credenza popolare. Il motivo di tanta sfortuna risale alla mitologia scandinava. Esistevano, secondo la legenda, 12 semidei e poi arrivò il tredicesimo, Loki che però era crudele con gli uomini: da qui il 13, in quelle terre, è divenuto segno di malaugurio per poi diventarlo in tutto il resto del mondo.

 

Il motivo di tale credenza è anche dovuto alle più antiche concezioni astrologiche assiro-babilonesi (dove il 12 era numero sacro perché facilmente divisibile), quindi il 13 era un numero poco propizio. Ma il 13 è stato a lungo considerato numero sfortunato nel mondo anglosassone, in Italia, infatti, fino a qualche anno fa l'unico numero sfortunato era il 17.  Certo, nel nostro Paese essere in 13 a tavola non è ben visto da tutti: con un riferimento, molto probabilmente, all'Ultima Cena.

 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Grande Fratello Vip, la precisazione di Mediaset sulle voci di chiusura anticipata
«Mamma ho mal di testa, faccio un pisolino», Jessica muore a 9 anni per un'emorragia cerebrale
Il bimbo piange dal barbiere, i clienti cantano: «Ci son due coccodrilli...» Video
Influenza, è allarme: 3 milioni di italiani a letto, tra dicembre e gennaio il picco di contagi
Belen Rodriguez a cena con Mirco Levati mostra lo scatto su Instagram: «Il mio playboy»