Scuola, la rivolta dei presidi: "Siamo dirigenti statali, troppa burocrazia e responsabilità"

Sono arrivati da tutta Italia con treni e pullman organizzati per protestare a gran voce sotto le finestre del ministero dell'istruzione. Non una delle tante manifestazioni studentesche: ieri in piazza, con fischietti e bandiere, c'erano i presidi dell'ANP, Associazione nazionale dei presidi. O, meglio, i dirigenti scolastici perché uno dei maggiori problemi nasce proprio qui. Dal 2000 i presidi sono diventati dirigenti della pubblica amministrazione ma, da 17 anni, ancora aspettano che gli stipendi vengano equiparati a quelli, almeno, della dirigenza di università e ricerca. 

Da qui la protesta. A cui si aggiungono le tante responsabilità acquisite negli anni, dalla sicurezza degli edifici scolastici alla tutela della privacy fino alla tanta burocrazia da compilare, a cui però non corrispondono uno stipendio adeguato né gli strumenti adatti per muoversi in una scuola tanto diversa rispetto a 17 anni fa. Senza contare il rinnovo del contratto che tarda ad arrivare e il concorso che, di rinvio in rinvio, a settembre lascerà scoperte quasi 2mila presidenze. Basti pensare che i dirigenti in servizio sono 7273, tra questi ad oggi ce ne sono 1133 che hanno una seconda scuola in reggenza. Vale a dire che con due scuole da più plessi si può arrivare fino a 12 plessi di media con picchi anche di 20. Non solo, stando alle previsioni di pensionamento, a settembre le reggenze saranno almeno 1700. 

E così ieri la rabbia dei presidi dell'Anp, questo lo slogan usato in piazza, è esplosa. Quasi tremila in piazza San Cosimato e altri trecento a Montecitorio. Verso le 13 una delegazione, guidata dal presidente Giorgio Rembado, ha avuto un incontro con la ministra all'istruzione Fedeli che, di fronte alle richiese, si è dichiarata favorevole all'armonizzazione delle retribuzioni dei dirigenti scolastici e ha dichiarato inoltre la volontà di chiudere i contratti entro ottobre. Intanto, dopo la giornata di fuoco, è partito un primo tavolo con i sindacati, convocato con l'Anp al Miur. Ma lo stato di agitazione va avanti, i presidi non accetteranno nuovi incarichi a reggenza né effettueranno la chiamata diretta ad agosto.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Morta Marella Agnelli, la moglie dell'Avvocato aveva 92 anni
Reddito di cittadinanza, obbligo di accettare il lavoro solo con uno stipendio minimo di 858 euro
Forti raffiche di vento, nave mercantile arenata sulla spiaggia
Stefano Bettarini, choc in autostrada per la fidanzata Nicoletta: deve intervenire la polizia
Million Day, diretta estrazione di venerdì 22 febbraio 2019: i numeri vincenti