Il mondo e gli scatti di un grande fotoreporter, Ciccio Jovane: evento-ricordo per salvare il suo archivio storico

Una giornata di studio per accendere i riflettori sulla vastissima produzione del fotoreporter Francesco Jovane, originario di Nocera Inferiore ma cittadino del mondo, figura di alto profilo professionale che per decenni è stato tra i protagonisti degli "scatti" made in Italy sullo scacchiere internazionale: grandi eventi e grandi personaggi immortalati dalla macchina fotografica di Jovane, che tutti hanno sempre e solo chiamato Ciccio, e pubblicati dai grandi rotocalchi nazionali.



Sabato 10 marzo alle ore 9:30  si apre infatti a Sarno (Villa Lanzara-del Balzo) l'evento "Istinto e creatività: Francesco Jovane, fotoreporter" organizzato e promosso dall’associazione culturale IL DIDRAMMO /MuDiF (Museo didattico della fotografia), in collaborazione con l’amministrazione comunale di Sarno, per la valorizzazione dei fondi fotografici dell’Archivio Storico del MuDiF. Lo scopo è quello di presentare i beni di particolare valore conservati nell’archivio del Museo e sensibilizzare gli utenti all’ ”adozione” di un progetto di recupero di un fondo fotografico finalizzato alla messa in sicurezza, restauro, catalogazione e digitalizzazione dell’archivio (sopra, Ciccio Jovane in jeep durante la Guerra dei Sei Giorni che diede il via al conflitto arabo-israeliano).

La tavola rotonda moderata dal condirettore de ‘Il Quotidiano del Sud’ Roberto Marino, cui prenderanno parte Pino Aprile (giornalista e scrittore), Piero Marrazzo (giornalista, corrispondente Rai dal Medioriente), Paolo Occhipinti (giornalista, già direttore del settimanale ‘Oggi’), e Maria Antonella Fusco (direttrice dell’Istituto Centrale per la Grafica del MiBACT) offrirà anche lo spunto per ricordare eventi e situazioni "dietro le quinte", raccontando la vita di un fotografo a tutto tondo quale è stato Ciccio Jovane (nella foto sotto insieme allo scrittore Pablo Neruda) 




Quindi verrà presentato ai presenti il corpus fotografico, anche grazie ad un filmato illustrato da Rosario Petrosino (direttore del MuDiF). Essenziali le testimonianze di di Vincenzo Petrosino, presidente dell’associazione culturale IL DIDRAMMO, del sindaco del Comune di Sarno e presidente della Provincia di Salerno Giuseppe Canfora, del primo cittadino di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, di Enzo Salerno, assessore alla Cultura del Comune di Sarno e dei figli di Francesco Jovane, Stefania, Massimo e Alessandro.

 L'Archivio Jovane gode già del sostegno della Regione Campania (settore Musei e Biblioteche), dell’azienda Bennato di Alessandro Bennato & C. di Sarno (ma servono altri privati) e dei patrocini di: Ambasciata di Spagna, Provincia di Salerno, Città di Nocera Inferiore, Ordine dei Giornalisti della Campania e Associazione giornalisti Valle del Sarno. I lavori termineranno con l’intervento di Valerio Di Stasio, avvocato, revisore contabile e senior partner dello studio legale Di Stasio, che illustrerà un interessante argomento: ‘Le sponsorizzazioni quale sostegno al recupero del patrimonio fotografico nazionale’. 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Trapianto di faccia, uno dei medici dell'equipe è un precario che guadagna 2 mila euro lordi al mese
Meteo, il caldo saluta l'autunno: «In arrivo un fronte tempestoso». E crollano le temperature Previsioni
Francesco Totti show a Che Tempo Che Fa da Fazio: «Io imperatore di Roma? Così me metti l'ansia...»
Jimmy Bennett a Non è l'Arena da Giletti: «Asia Argento mi ha violentato, la chiamavo mamma»
Manila Nazzaro, Miss Italia nel 1999: «Noi al naturale, oggi ritoccate già a 20 anni»