Brutti ricordi addio, si possono cancellare in modo selettivo: ecco come

La ricerca. Addio brutti ricordi, memorie dolorose o ansiogene. Uno studio dei ricercatori del Columbia University Medical Center mostra, infatti, che diversi tipi di ricordi conservati nello stesso neurone possono essere selettivamente cancellati, senza danni per il resto della memoria. Lo studio, condotto sull'Aplysia - un mollusco marino - apre la strada alla scoperta di farmaci in grado di cancellare ricordi che scatenano ansia o stress post traumatico. Lo studio è pubblicato su 'Current Biology'.

Durante un evento pauroso o ansiogeno, diversi ricordi possono essere codificati. Alcune di queste memorie ci insegneranno, ad esempio, a temere luoghi bui o persone con un'arma. Ma anche un'informazione neutra, un ricordo non associativo, è in grado di scatenare attacchi d'ansia, persino molto tempo dopo il fatto traumatico.

Ebbene, l'obiettivo dei ricercatori guidati da Samuel Schacher è proprio quello di trovare il modo di eliminare il singolo ricordo non associativo in grado di scatenare ansia o stress. Il team ha scoperto come farlo in questo mollusco, senza danneggiare gli altri ricordi. Una strategia che dimostra come questo intervento sia possibile, sostengono gli autori, convinti che ulteriori studi siano necessari per capire meglio come indebolire o cancellare anche nell'uomo i ricordi non associativi. Come come con un colpo di cancellino sulla lavagna.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Maturità 2019, tracce seconda prova in diretta. L'incubo multidisciplinari: «Al classico latino e greco insieme»
Gian Marco Centinaio, il ministro al forum di Leggo: «Dopo un anno do 6,5 al governo e 7 a Conte. Roma è in pessime condizioni. Il salario minimo costa troppo. Manovra correttiva? Mai le mani nelle tasche degli italiani»
Mirabilandia, bimbo di 4 anni muore annegato nell'area acquatica del parco
Morgan dalla D'Urso spara a zero su tutti: «Asia Argento mi ha iniziato alla tossicodipendenza». Poi lo scontro con Signoretti: «i soldi te li sei sniffati»
Nilde Iotti, 40 anni fa entrò nella storia: la prima donna a diventare Presidente della Camera