Iran Israele, dopo l'attacco con i droni la guerra ibrida dei proxy: cos'è

1 di 7
Iran contro Israele, l'attacco con i droni e l'uso delle milizie proxy: chi sono e cosa sappiamo

Scontro Iran Israele: lancio di droni e missili. È arrivato l'attacco che l'Iran aveva promesso contro Israele a cui attribuisce la responsabilità del raid aereo sul consolato iraniano a Damasco, in Siria, lo scorso 1° aprile. La risposta era stata definita «controllata», «calibrata» e «non provocatoria» nei confronti degli Stati Uniti. L'Iran può disporre di armi e milizie, cioè quei «proxy regionali utili a lanciare una serie di attacchi contro Israele», riportano i media citando fonti dell'intelligence. I "proxy" sono milizie, gruppi ribelli, o altre entità non statali che fanno parte dell'Asse della Resistenza e che agiscono su mandato dell'Iran. Sono dislocate in Yemen, Siria, Iraq e Libano. Perciò anche da questi Paesi potrebbe arrivare l'attacco.

1 di 7
Ilaria Salis, l'Ungheria non si arrende: «Tribunale chiederà all'Europarlamento revoca dell'immunità». Cosa succede ora
Ciro Grillo a processo, la psichiatra: «La ragazza non era partecipe». Domani le testimonianze degli imputati
Ferragni fa fuori il manager Damato: «Rinnovamento aziendale». La rottura dopo il caso Balocco e le liti con Fedez
Cristina Frazzica, i due video dello scontro in kayak. Il dolore della famiglia: «Noi senza pace, ma non puntiamo il dito»
Ivan Szydlik, il re degli orologi star dei social arrestato per truffa. «Fatturo 15 milioni all'anno, ma non pago le tasse in Italia»