Mattarella: «Nessuno al di sopra della legge. Giudici legittimati dalla Costituzione»

«Nessuno è al di sopra della legge. I giudici sono legittimati dalla Costituzione»: queste le parole del Capo dello Stato Mattarella dopo che il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini, aprendo l'avviso di garanzia in diretta facebook, aveva attaccato la magistratura sottolineando la differenza tra lui, «eletto dal popolo» e i giudici «eletti da nessuno».

 

«Nel nostro ordinamento - ha spiegato Mattarella ricordando la figura del capo dello Stato Oscar Luigi Scalfaro - non esistono giudici elettivi. I nostri magistrati traggono legittimazione e autorevolezza dal ruolo che loro affida la Costituzione. Non sono quindi chiamati a seguire gli orientamenti elettorali, ma devono applicare la legge e le sue regole».  «Come spesso ebbe a ricordare anche il presidente Scalfaro, queste valgono per tutti, senza aree di privilegio per nessuno, neppure se investito di pubbliche funzioni, neppure per gli esponenti politici».

«Nessun cittadino é al di sopra della legge. La Repubblica e la sua democrazia sono presidiate da regole, il rispetto di queste é indispensabile, sempre, quale che sia l'intenzione di chi si propone di violarle». Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando alla commemorazione di Oscar Luigi Scalfaro alla Camera.

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
«Ti faccio diventare famoso»: così un 35enne finto talent scout adescava e violentava bambini, arrestato
«Mamma ho mal di testa, faccio un pisolino», Jessica muore a 9 anni per un'emorragia cerebrale
Escort, ora c'è pure l'advisor: boom di richieste, i clienti danno i voti
Giuseppe, si fa uccidere a 19 anni per salvare la madre. Il sindaco: «Pagherò le esequie», ma non salda il conto
Grande Fratello Vip, la precisazione di Mediaset sulle voci di chiusura anticipata