Guido Crosetto, malore per il ministro durante il Consiglio di Difesa: «Portato in ospedale in ambulanza». Come sta

Guido Crosetto in ospedale: «Colto da malessere, portato via in ambulanza». Come sta il ministro della Difesa

Paura per il ministro della Difesa, Guido Crosetto, portato in ospedale in ambulanza. Crosetto stava partecipando al Consiglio Supremo di Difesa quando ha dovuto lasciare in anticipo perché trasportato in ambulanza in ospedale: lo rendono noto fonti della Difesa

Crosetto è stato trasportato in ospedale per essere sottoposto ad accertamenti dopo che, a quanto apprende l'Adnkronos, era stato colto da malore nel corso della riunione. Il ministro ha quindi lasciato l'incontro per essere trasportato in ambulanza in ospedale. Crosetto, secondo quanto si apprende, si trova al pronto soccorso dell'ospedale San Carlo di Nancy.

 

Leva militare obbligatoria, Salvini: «Pronto il progetto». A che punto è la proposta della Lega e cosa dice la legge

Il ricovero a febbraio scorso

Il titolare della Difesa era stato ricoverato d'urgenza il 13 febbraio scorso all'ospedale San Carlo di Nancy a Roma: era stato lo stesso Crosetto a presentarsi a piedi al pronto soccorso, dopo aver accusato forti dolori al petto. La coronografia a cui è stato sottoposto aveva evidenziato una sospetta pericardite, confermata poi dagli accertamenti successivi. Si tratta di un'infiammazione del pericardio, la membrana che avvolge il cuore, ma - spiegarono i medici - non si sono registrati versamenti di liquido tra la membrana, cosa che avrebbe richiesto un intervento immediato. Le analisi, inoltre, non hanno evidenziato danni cardiaci.

Già in passato il ministro della Difesa aveva avuto qualche problema cardiaco, con un ricovero nel 2013. Due giorni dopo il ricovero, Crosetto è stato dimesso. «Le condizioni di salute - spiegò il responsabile Cardiochirurgia centro cuore del San Carlo Giuseppe Speziale - sono buone, è stato dimesso in condizioni di generale benessere e soprattutto senza danni cardiaci. Il ricovero ha avuto un decorso regolare che gli ha permesso di continuare a lavorare».

Leggi l'articolo completo su
Leggo.it