"Troppo intelligente per andare in prigione": per la studentessa arriva la sospensione della pena

Lavinia Woodward è pentita ed è pronta a disintossicarsi. La 24enne aspirante cardiochirurgo che ha accoltellato il fidanzato conosciuto su Tinder non farà un giorno di carcere perché troppo "intelligente". Per i giudici, infatti, non può finire in prigione. È stata condannata a dieci mesi, ma la pena è sospesa. 


 
Il caso della studentessa di Oxford era rimbalzato sui media britannici e oggi è arrivata la decisione della Corte: "Pena sospesa perché si è mostrata seriamente pentita e pronta a un percorso per combattere la sua dipendenza da droga e alcol". La sua storia aveva fatto discutere perché uno dei giudici aveva dichiarato: "Ha un talento straordinario, è brillante, la prigione potrebbe danneggiare per sempre il suo futuro".

Quando la sentenza è stata pronunciata, Lavinia è scoppiata in lacrime. Rischiava una condanna fino a cinque anni di carcere. La riabilitazione ha aiutato nella sospensione.

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Grande Fratello Vip, la precisazione di Mediaset sulle voci di chiusura anticipata
«Mamma ho mal di testa, faccio un pisolino», Jessica muore a 9 anni per un'emorragia cerebrale
Il bimbo piange dal barbiere, i clienti cantano: «Ci son due coccodrilli...» Video
Influenza, è allarme: 3 milioni di italiani a letto, tra dicembre e gennaio il picco di contagi
Belen Rodriguez a cena con Mirco Levati mostra lo scatto su Instagram: «Il mio playboy»