"Troppo intelligente per andare in prigione": per la studentessa arriva la sospensione della pena

Lavinia Woodward è pentita ed è pronta a disintossicarsi. La 24enne aspirante cardiochirurgo che ha accoltellato il fidanzato conosciuto su Tinder non farà un giorno di carcere perché troppo "intelligente". Per i giudici, infatti, non può finire in prigione. È stata condannata a dieci mesi, ma la pena è sospesa. 


 
Il caso della studentessa di Oxford era rimbalzato sui media britannici e oggi è arrivata la decisione della Corte: "Pena sospesa perché si è mostrata seriamente pentita e pronta a un percorso per combattere la sua dipendenza da droga e alcol". La sua storia aveva fatto discutere perché uno dei giudici aveva dichiarato: "Ha un talento straordinario, è brillante, la prigione potrebbe danneggiare per sempre il suo futuro".

Quando la sentenza è stata pronunciata, Lavinia è scoppiata in lacrime. Rischiava una condanna fino a cinque anni di carcere. La riabilitazione ha aiutato nella sospensione.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Atene, forte scossa di terremoto 5.3: panico in città, gente in strada e blackout telefonici Video
Preso a bastonate e soffocato: 57enne ucciso nella notte da due donne. «Lo abbiamo fatto per difenderci»
Swami, muore a 17 anni durante le vacanze in Grecia: è la figlia dell'ex portiere del Chievo
Estrazioni Lotto e Superenalotto di giovedì 18 luglio 2019: i numeri vincenti
Marchini: «Con la cucina che conquista ho rimorchiato mia moglie»