"Noi non abbiamo scelto di essere vittime", il nipote di Moro risponde alla Balzerani

«Noi non abbiamo scelto di essere vittime e non ne abbiamo fatto un mestiere. Voi avete scelto di fare i brigatisti e di piombare nelle nostre vite distruggendole, cosa di cui avremmo fatto volentieri a meno, negli ultimi quaranta anni avete avuto lo spazio, la voce e la visibilità. Cose che a noi sono state negate».

È quanto dichiara in una nota Luca Moro, nipote del presidente Dc, figlio della primogenita Maria Fida, in risposta alle dichiarazioni rilasciate ieri dalla ex Br Barbara Balzerani a Firenze, durante la contestata presentazione del suo libro.

«Sembra che l'esperienza di essere a contatto con Aldo Moro in quei cinquantacinque giorni non abbia insegnato niente né a lei né ad altri. L'unica cosa saggia che le rimarrebbe da fare - conclude - sarebbe il silenzio, ne farebbe una figura migliore come essere umano».

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Giovanni, Leo, Eleonora ​e Riccardo: in 5mila allo stadio per l'addio ai ragazzi morti a Jesolo. Le lacrime di sorelle e amici
Anziano massacra la moglie a coltellate: l'orrore in casa, lei stava dormendo
Bimba in coma a 5 anni, medici vogliono staccare la spina. I genitori: «Portatela in Italia», sì del Gaslini
Violenza sessuale di gruppo, fermati tre ventenni: «Ragazza accerchiata, picchiato il fidanzato»
Bimba di 6 anni muore al campo da golf: «Colpita da una pallina durante la partita del papà»