Morti in corsia, l'infermiera Laura Taroni condannata a 30 anni. Il medico-amante rinviato a giudizio

Laura Taroni, infermiera del pronto soccorso di Saronno (Varese), è stata condannata dal Tribunale di Busto Arsizio (Varese) a 30 anni, come aveva chiesto l'accusa, in abbreviato per gli omicidi del marito Massimo Guerra e della madre, Maria Rita Clerici, di cui è accusata in concorso con l'amante e medico Leonardo Cazzaniga.

LEGGI ANCHE ---> "Il marito costrinse l'infermiera ad abortire, il figlio era del medico"

Leonardo Cazzaniga, medico ed ex direttore del pronto soccorso di Saronno (Varese), è stato rinviato a giudizio dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio (Varese) per nove morti in corsia e per l'omicidio, in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni, del marito e della madre della donna. Cazzaniga è stato anche rinviato a giudizio per la morte del suocero di Taroni, Luciano Guerra, posizione per la quale l'infermiera è stata assolta in abbreviato, su richiesta della stessa accusa.

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Sorbillo, bomba alla storica pizzeria di Napoli: dentro c'era il custode, sta bene Cinque anni fa il locale incendiato
Il dolore della mamma di Federico, morto di meningite a 15 anni: «Mi resta solo il suo tatuaggio»
Trovato un cadavere murato in una villa: è di un uomo tra i 35 e i 45 anni
Festeggia il contratto a tempo indeterminato a 56 anni: l'amica la abbraccia e le rompe una costola
Malaga, Yulen è ancora nel pozzo: robot sonda vicino al fondo. «Sarà salvato in 24-48 ore»