Morti in corsia, l'infermiera Laura Taroni condannata a 30 anni. Il medico-amante rinviato a giudizio

Laura Taroni, infermiera del pronto soccorso di Saronno (Varese), è stata condannata dal Tribunale di Busto Arsizio (Varese) a 30 anni, come aveva chiesto l'accusa, in abbreviato per gli omicidi del marito Massimo Guerra e della madre, Maria Rita Clerici, di cui è accusata in concorso con l'amante e medico Leonardo Cazzaniga.

LEGGI ANCHE ---> "Il marito costrinse l'infermiera ad abortire, il figlio era del medico"

Leonardo Cazzaniga, medico ed ex direttore del pronto soccorso di Saronno (Varese), è stato rinviato a giudizio dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio (Varese) per nove morti in corsia e per l'omicidio, in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni, del marito e della madre della donna. Cazzaniga è stato anche rinviato a giudizio per la morte del suocero di Taroni, Luciano Guerra, posizione per la quale l'infermiera è stata assolta in abbreviato, su richiesta della stessa accusa.

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Ennio Fantastichini in rianimazione: l'attore ricoverato a Napoli
Grande Fratello Vip sospeso? Ecco la decisione di Mediaset
Diventa mamma a 62 anni: parto da record all'Ospedale San Giovanni di Roma
«Abusi sessuali a una 15enne alla fermata del bus»: caccia a nordafricano a Firenze
Corona da Chiambretti: tra accuse a Cecchi Paone e notti hard con Asia Argento. «Sono un esempio per i giovani»