Libretti al portatore, da oggi addio: ecco quali sono le alternative

Addio ai libretti al portatore. Da oggi - con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017 - è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito nominativi mentre è vietata l'apertura di conti e libretti di risparmio in forma anonima. Banche e uffici postali, in pratica, potranno proporre ai risparmiatori solo libretti su cui ci sarà l'obbligo di identificazione del titolare. Ma quali sono le formule attualmente disponibili sul mercato? Istituti bancari e poste offrono diverse tipologie di libretto attivabili gratuitamente e collegate a carte di credito tramite cui prelevare e versare il denaro.

I libretti di risparmio proposti da POSTE ITALIANE non prevedono spese di apertura, chiusura e gestione, eccetto gli oneri di natura fiscale, e possono essere emessi anche in forma dematerializzata. Le operazioni di versamento e prelievo contanti possono essere effettuate in tutti gli uffici postali. Tra le formule disponibili vi sono il 'Libretto Smart', per gestire i risparmi anche online, e il 'Libretto Dedicato ai Minori', che prevede diverse condizioni in base a tre diverse fasce d'età.

UNICREDIT, invece, propone 'Libretto One', un libretto di deposito a risparmio nominativo dal costo mensile di 1 euro attraverso cui è possibile accreditare gratuitamente lo stipendio o la pensione e collegare un deposito titoli. Tra i servizi base compresi nel libretto vi sono anche una carta di prelevamento e 60 operazioni all'anno. Ai bambini da 0 a 12 anni è rivolto 'Genius Bimbi', un deposito a risparmio nominativo con zero spese di apertura e di gestione e imposta di bollo a carico della Banca.

Tra le soluzioni proposte da INTESA SAN PAOLO vi è il 'Libretto Flash' dedicato ai ragazzi dai 0 ai 17 anni. A partire dai 12 anni i ragazzi possono operare in autonomia entro i limiti stabiliti dai genitori e consultare online le informazioni da sito e app. 4.999 euro è l'importo massimo che si può avere sul libretto mentre l'1% è il tasso fisso fino al compimento dei 18 anni. Ai pensionati invece è rivolto il libretto di deposito nominativo 'Pensione per Te' con zero spese di apertura e nessun canone annuo.

BNL promuove il libretto di deposito a 'Risparmio Libero' dal costo di 2,58 (modello stampato) con un tasso annuo nominale non inferiore a 0,010%. 'Bnl Kids', invece, è la formula dedicata ai minori che prevede un limite di deposito non superiore a 12.500 euro e un tasso annuo nominale non inferiore a 0,75%. Il libretto di deposito a 'Risparmio Vincolato', infine, è l'operazione mediante la quale la Banca acquista la proprietà delle somme depositate dal cliente, obbligandosi a restituirle alla scadenza del termine pattuito.

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Sorbillo, la storica pizzeria di Napoli devastata da una bomba nella notte Cinque anni fa il locale incendiato
Il dolore della mamma di Federico, morto di meningite a 15 anni: «Mi resta solo il suo tatuaggio»
Malpensa, preso il migrante egiziano che si è lanciato dall'aereo per scappare: sarà rimpatriato
Estrazioni Lotto e Superenalotto di oggi martedì 15 gennaio, i numeri vincenti. Nessun 6 né 5+
Addio Big Mac in Europa: McDonald's perde la battaglia legale contro una catena irlandese