Libretti al portatore, da oggi addio: ecco quali sono le alternative

Addio ai libretti al portatore. Da oggi - con l'entrata in vigore del decreto legislativo 90/2017 - è ammessa esclusivamente l'emissione di libretti di deposito nominativi mentre è vietata l'apertura di conti e libretti di risparmio in forma anonima. Banche e uffici postali, in pratica, potranno proporre ai risparmiatori solo libretti su cui ci sarà l'obbligo di identificazione del titolare. Ma quali sono le formule attualmente disponibili sul mercato? Istituti bancari e poste offrono diverse tipologie di libretto attivabili gratuitamente e collegate a carte di credito tramite cui prelevare e versare il denaro.

I libretti di risparmio proposti da POSTE ITALIANE non prevedono spese di apertura, chiusura e gestione, eccetto gli oneri di natura fiscale, e possono essere emessi anche in forma dematerializzata. Le operazioni di versamento e prelievo contanti possono essere effettuate in tutti gli uffici postali. Tra le formule disponibili vi sono il 'Libretto Smart', per gestire i risparmi anche online, e il 'Libretto Dedicato ai Minori', che prevede diverse condizioni in base a tre diverse fasce d'età.

UNICREDIT, invece, propone 'Libretto One', un libretto di deposito a risparmio nominativo dal costo mensile di 1 euro attraverso cui è possibile accreditare gratuitamente lo stipendio o la pensione e collegare un deposito titoli. Tra i servizi base compresi nel libretto vi sono anche una carta di prelevamento e 60 operazioni all'anno. Ai bambini da 0 a 12 anni è rivolto 'Genius Bimbi', un deposito a risparmio nominativo con zero spese di apertura e di gestione e imposta di bollo a carico della Banca.

Tra le soluzioni proposte da INTESA SAN PAOLO vi è il 'Libretto Flash' dedicato ai ragazzi dai 0 ai 17 anni. A partire dai 12 anni i ragazzi possono operare in autonomia entro i limiti stabiliti dai genitori e consultare online le informazioni da sito e app. 4.999 euro è l'importo massimo che si può avere sul libretto mentre l'1% è il tasso fisso fino al compimento dei 18 anni. Ai pensionati invece è rivolto il libretto di deposito nominativo 'Pensione per Te' con zero spese di apertura e nessun canone annuo.

BNL promuove il libretto di deposito a 'Risparmio Libero' dal costo di 2,58 (modello stampato) con un tasso annuo nominale non inferiore a 0,010%. 'Bnl Kids', invece, è la formula dedicata ai minori che prevede un limite di deposito non superiore a 12.500 euro e un tasso annuo nominale non inferiore a 0,75%. Il libretto di deposito a 'Risparmio Vincolato', infine, è l'operazione mediante la quale la Banca acquista la proprietà delle somme depositate dal cliente, obbligandosi a restituirle alla scadenza del termine pattuito.

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Negramaro, «Lele Spedicato è in lento miglioramento». Ecco cosa dicono gli ultimi esami
Detenuta lancia i figli dalle scale: dichiarata la morte anche del secondo bambino
Belen Rodriguez e Iannone si sono lasciati: «Lo ha mollato lei». Il messaggio di Andrea su Instagram
Boom di furti con la bottiglietta d'acqua: lo stratagemma dei ladri per entrare senza lasciare segni
Fedez guarda Temptation Island Vip con Chiara Ferragni. I commenti sconvolti sono esilaranti: «Congiuntivo Island»