"Ecco come l'ansia può rovinarti la vita", il post di una 23enne su Facebook diventa virale

L'ansia è spesso sottovalutato come stato d'animo, ma in alcune persone arriva ad essere un problema patologico. Il malessere è spesso insidioso, difficile da individuare e da capire, per questo la 23enne americana Brittany Nichole Morefield, ha deciso di raccontare il suo punto di vista, quello di una donna che ogni giorno combatte contro l'ansia.
 



La ragazza ha postato su Facebook una foto in cui mostra quanto sia difficile conviverci. «L'ansia è svegliarsi alle 3 di notte mentre si dorme profondamente, perché il tuo cuore batte all'impazzata», racconta sul social network, «L'ansia è stressarsi per cose che potrebbero non accadere mai. È farsi domande sulla propria fede, sul perché il Creatore permette che mi senta in questo modo. L'ansia è chiamare tua sorella 3 ore prima che si svegli per andare al lavoro, nella speranza che ti risponda e permetta alla tua mente di non rimanere sotto attacco».

Il post, diventato virale, vede ritratta la 23enne dentro la doccia, nel tentativo di calmarsi da un attacco di ansia. «L'ansia è il tuo umore che cambia radicalmente nel giro di pochi minuti. [...] L'ansia è piangere, è avere la nausea, è rimanere paralizzata. L'ansia è oscura. È dover inventare scuse su scuse per il tuo comportamento. L'ansia è paura, è preoccupazione».

Moltissimi utenti l'hanno sostenuta e altrettanti si sono rivisti nelle sue parole, ringraziandola per essere stata capace di esprimere quello che provano ma non riescono a comunicare a chi gli sta intorno. 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Trapianto di faccia, intervento fallito: nuova operazione di cinque ore nella notte
Rapina Lanciano, la donna sequestrata: «Urlavano e mi hanno tagliato l’orecchio, ma li perdono»
Rebecca uccisa a 15 anni per una colazione gratis, il fidanzato l'ha massacrata con una pietra
Lele Spedicato dei Negramaro, news a una settimana dal ricovero
GfVip, Ilary Blasi e la battutaccia sull'omosessualità a Ivan Cattaneo: «Addrizza...»