​Torino, feto di 15 settimane in un barattolo trovato in un'aiuola: era conservato in un liquido

GUARDA IL VIDEO

Un feto rinchiuso in un contenitore trasparente è stato ritrovato questo pomeriggio in un'aiuola di piazza Benefica a Torino da un passante che stava passeggiando con il cane. L'uomo ha immediatamente chiamato i carabinieri a cui ha consegnato il contenitore di circa 7 centimetri di altezza e tre di diametro con tanto di tappo, contenente liquido trasparente di conservazione, con all'interno un feto embrionale.

Adolescente incinta dopo uno stupro ma nasconde l'identità del padre: «Avevo paura»

Da un primo esame dei sanitari il feto dovrebbe avere tra le 10 e le 15 settimane. Sull'accaduto indagano i carabinieri. 
Il contenuto della provetta è stato analizzato dai medici dell'ospedale Sant'Anna di Torino. I carabinieri della compagnia Monviso stanno acquisendo i filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona per risalire all'identità della persona che ha abbandonato nell'aiuola il contenitore col feto. Non è escluso, tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti, che sia stata rubata da un qualche laboratorio.

L'uomo che l'ha ritrovato, intorno alle 17.30, era a passeggio con il cane. L'animale si è messo a giocare vicino all'aiuola, dove l'uomo ha notato il contenitore. «Era tra gli arbusti, tutta sporca, ma era evidente che si trattava di un feto. Mi sono preoccupato e ho chiamato il 112», ha spiegato agli investigatori. I carabinieri della compagna Monviso, che indagano sul ritrovamento, stanno acquisendo i filmati delle telecamere di sorveglianza dei negozi della zona. I video verranno analizzati per cercare di rintracciare chi ha gettato la provetta. Nel frattempo, le analisi dei medici dell'ospedale Sant'Anna continuano per accertare l'origine del feto e per chiarire il tipo sostanza in cui era conservato. Non si esclude possa trattarsi di formaldeide. Al momento, gli inquirenti del Comando provinciale dei carabinieri di Torino stanno vagliando ogni tipo di ipotesi. Tra le piste seguite dai militari dell'Arma c'è anche quella del furto: la provetta potrebbe essere stata rubata dal laboratorio di un ospedale dalla città e poi gettata nell'aiuola di piazza Benefica, cuore dello storico quartiere Cit Turin, a pochi passi dal Tribunale. Resta al momento un mistero chi l'abbia fatto e perché.

 

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
È morta la donna rimasta convolta nello scontro tra il filobus e il camion della spazzatura
L'Inps chiede risarcimento di 124mila euro alle figlie orfane di femminicidio, interviene Mattarella
Madre uccide figlia disabile a martellate sotto agli occhi del marito
Million Day, i numeri vincenti di oggi domenica 8 dicembre 2019
Ingegnere laureato con 110 e lode assunto come operatore ecologico per 1200 euro al mese: «Voglio lavorare per farmi una famiglia»