Simon Gautier, il padre non ci sta. «Cinque domande ai pm per sapere tutto della morte di mio figlio»

Cinque domande ai pm sulla morte di Simon Gautier, il turista francese morto nel Cilento dopo essere rimasto disperso per 9 giorni: le ha poste Dominique, il papà del 27enne escursionista morto dopo essere precipitato in un crepaccio, e il cui cadavere è stato recuperato solo pochi giorni fa. 

La mamma: «Avevo la mappa del suo percorso, ma ci hanno avvertito 3 giorni dopo»

Secondo quanto riporta il quotidiano La Repubblica, l'uomo ha consegnato le domande al procuratore di Vallo della Lucania, Antonio Ricci, che sta indagando sull'accaduto. «Vado avanti soltanto per sapere se qui è stato fatto tutto il possibile per salvare Simon», ha aggiunto il papà del giovane. 

Il presidente del 118: «Si poteva salvare, ma non potevamo geolocalizzarlo»

Le domande sono semplici quanto drammatiche. Perché, dove, come e a che ora è morto Simon? Perché la telefonata del 118 non ha permesso di geolocalizzarlo? Perché il 118 non lo ha aiutato a geolocalizzarsi da solo? Perché ha chiuso la telefonata? Perché i soccorsi sono stati mobilitati con ritardo? Questioni che dovranno trovare una risposta nelle prossime settimane, anche se i vertici del 118 hanno già parzialmente spiegato il motivo della mancata geolocalizzazione (ne abbiamo parlato su Leggo.it qui).
 
Intanto l'esame autoptico sulla salma di Simon ha chiarito definitivamente le cause del decesso: il 27enne è morto in seguito ad uno choc emorragico dovuto alla rottura dell'arteria femorale. L'autopsia è stata effettuata ieri nell'obitorio dell'ospedale di Sapri dal medico legale Adamo Maiese dell'ASL Salerno su disposizione della procura di Vallo della Lucania. Sul corpo di Gautier sono state riscontrate anche fratture esposte e composte ad entrambi gli arti inferiori ed il laceramento di tessuti. Danni e traumi importanti sono risultati pure alle vertebre. Il turista, dal momento della caduta, sarebbe rimasto in vita al massimo per 45 minuti prima di morire per dissanguamento. 

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Ragazza di 14 anni colpita da infarto a scuola: «Dichiarata la morte cerebrale»
Erica e la sua malattia rara: «La mia pelle sa di pesce»
Strage in Germania, 11 morti in due bar di narghilè: morto il killer xenofobo, parlava di «annientare popoli»
«Viviamo con un microchip nel corpo». La rivoluzione hi-tech dei primi cento italiani. Ecco cosa si può fare
Mary Poppins beffa 20mila fan: salta il musical a Milano ma nessuno rimborsa i biglietti già acquistati