Profughi ucraini, la Prefettura di Firenze stila il vademecum per l'accoglienza: ecco cosa fare

La Prefettura di Firenze stila le indicazioni da seguire per i cittadini che vengono a conoscenza di profughi provenienti dall'Ucraina

Profughi ucraini, Firenze stila il vademecum per l'accoglienza: ecco cosa fare

La Prefettura di Firenze detta le regole da seguire per ospitare i profughi provenienti dall'Ucraina. Proficuo e partecipato l’incontro svoltosi in mattinata presso la Prefettura di Firenze con Anci Toscana e 81 Rappresentanti delle Amministrazioni locali, tra Sindaci, Assessori, Dirigenti, Rappresentanti del volontariato, con la presenza della Protezione Civile della Città Metropolitana, sull’attuale fase di accoglienza dei profughi provenienti dall’Ucraina. Ecco come i cittadini possono muoversi per aiutare la delicata fase di accoglienza dei profughi. 

 

Leggi anche > Emergenza Ucraina, Nardella: «Firenze in prima linea per la pace. Il 12 marzo sarà l'epicentro delle iniziative nazionali»

 

L’azione di concerto tra tutte le forze mobilitate verrà indirizzata ad avere puntuale cognizione delle presenze dei profughi sul territorio, al fine di potere censire la situazione esistente e pianificare gli aspetti sanitari e di inserimento scolastico dei minori, regolando altresì la posizione giuridica dei cittadini ucraini in provincia.

 

«Con la Prefettura stiamo portando avanti un lavoro di squadra - dice l’assessore a Welfare Sara Funaro - per fare in modo che l’accoglienza sul nostro territorio sia strutturata e controllata. È solo attraverso un lavoro sinergico in cui le Istituzioni, le associazioni e le realtà del Terzo settore fanno rete che possiamo cercare di far fronte al meglio all’arrivo dei cittadini ucraini che stanno abbandonando il loro Paese per scappare da questa guerra ingiusta.

 

«Chiedo ai fiorentini - continua Funaro - che vengono a conoscenza della presenza sul territorio di cittadini ucraini, di invitarli a recarsi in Questura per l’identificazione e i successivi percorsi tra cui gli inserimenti scolastici su cui sta lavorando l’Ufficio scolastico regionale in collaborazione con le Amministrazioni comunali».

 

IL VADEMECUM DEL COMUNE DI FIRENZE

 

«Coloro che vengono a conoscenza dell’arrivo o della presenza nella provincia di Firenze di cittadini ucraini che necessitano di una soluzione alloggiativa sono invitati a comunicare i dati dei richiedenti assistenza compilando il modulo allegato.

 

I cittadini ucraini che affluiscono nella provincia di Firenze sono invitati a recarsi presso un punto che sarà allestito a giorni dalla Regione toscana, con presidio per tamponi e presenza di mediatori linguistici.

Effettuato il tampone:

•       se l’esito è positivo, verrà avviato l’ingresso in un hotel sanitario per la prescritta quarantena, al termine della quale il cittadino ucraino sarà inserito nel sistema dei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS);

•       se l’esito è negativo, il cittadino ucraino sarà direttamente inserito nel sistema dei CAS.

Per ogni ulteriore informazione si può contattare il centro di coordinamento attivato presso la Prefettura:

•       scrivendo all’indirizzo e-mail emergenzaucraina.pref_firenze@interno.it;

•       o telefonando ai seguenti numeri:

055 2783574

055 2783575

055 2783578

055 2783579

Dopo l’inserimento, il centro di coordinamento trasmetterà l’elenco dei soggetti ospitati nei CAS:

•       alla Questura di Firenze – Ufficio Immigrazione per le successive operazioni di identificazione;

•       all’Ufficio Scolastico Provinciale in caso di presenze di minori da inserire nel circuito scolastico;

•       al Comune dove è presente il CAS ospitante.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Terrore alla Notte Rosa, 15enne picchiata dalla baby gang: «Nessuno è intervenuto, filmavano»
Choc in tangenziale: anziano con la carrozzina elettrica tra le corsie
WhatsApp, la rivoluzione che tanti aspettavano: arriva la funzione «invisibile» quando si è online
Estrazioni Lotto, Superenalotto e 10eLotto di oggi, martedì 5 luglio 2022: i numeri vincenti
Covid, Bassetti: «Nuova sotto-variante Ba.2.75 da tenere d'occhio». Come si diffonde