Milano, incendio in un'azienda di cannabis light: gravi due fratelli, ferito il padre

Un incendio di grosse dimensioni è scoppiato oggi pomeriggio a Trezzano sul Naviglio, a Milano, intorno alle 16. A prendere fuoco un'azienda a conduzione familiare, la "Tree of Light", specializzata nella lavorazione della canapa light. Due ragazzi giovanissimi, di 20 e 25 anni, figli del titolare dell'impresa, sono in pericolo di vita. Infatti, i due giovanissimi hanno riportato gravi ustioni durante l'incendio. Uno di loro è stato portato in elisoccorso al San Gerardo di Monza, mentre il secondo è stato portato in codice rosso al Niguarda di Milano. Lievi ferite anche per il padre, un uomo di 66 anni. 

Leggi anche > Schiacciato da una tonnellata di sacchi di zucchero: muore operaio 36enne

A scoppiare sarebbe stato, secondo le prime ipotesi, un serbatoio di gpl all’interno della ditta di viale Edison: i testimoni raccontano di aver sentito alcuni botti prima della forte esplosione. Sull'innesco ancora nessuna notizia.

Un boato, fiamme altissime e tanta paura, con i due giovani che hanno riportato ustioni gravi. 

Sul posto i vigili del fuoco del comando provinciale di Milano, i carabinieri della compagnia di Corsico, la polizia locale di Trezzano, la Protezione Civile Gruppo di Trezzano e l’Associazione Nazionale Carabinieri sezione Nuvoletta. Tutte le ditte circostanti sono state evacuate mentre i vigili del fuoco terminavano le operazioni di spegnimento. «Nessun rischio per l’ambiente», ha scritto il sindaco di Trezzano sul Naviglio, Fabio Bottero, sul suo profilo Facebook.
 

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Maddie McCann, una svolta nelle indagini riapre il caso: «L'uomo che potrebbe averla uccisa è in carcere»
Il premier Conte: «Ci meritiamo il sorriso dopo settimane di duri sacrifici. Sul Mes decideremo in Parlamento»
Casapound, notificato il sequestro del palazzo occupato abusivamente. Raggi: «Momento storico»
Il virologo Crisanti: «L'Austria fa bene a non aprire all'Italia». E lancia una frecciatina a Zangrillo
Due medici guariti tornano positivi: scatta la bonifica al Cardarelli