Kim Kardashian, sexy su Instagram: «Come il burro». Ma c'è l'hashtag malandrino che non sfugge ai fan

Sempre in mostra e sotto le luci dei riflettori per le sue forme generosissime, Kim Kardashian questa volta fa un po' di ironia e pubblica una foto in intimo e scarpe da tennis su un letto bianco e soffice. Ed è subito boom di like per il corpo visibilmente dimagrito. 

Kim Kardashian dimagrita in versione super hot in bikini

Nella didascalia che accompagna la foto e il post si legge la frase "come il burro" con probabile doppia allusione al suo corpo e al letto. Accanto alla foto, un hashtag. Yeezy. Non un nome qualunque. L'hashtag si riferisce alle scarpe che la famosissima prezzemolina statunitense porta ai piedi (e che in pochi riescono a vedere). Si tratta di un paio di scarpe disegnate dal marito di Kim Kardashian, Kanye West e prodotte da un famoso marchio di abbigliamento sportivo. Insomma, una pubblicità in famiglia ad altissimo valore commerciale, visti i costi di un post sponsorizzato in una foto della bellissima Kim.
La ricchissima signora West non smette mai di stupire i suoi followers con immagini sexy e provocatorie. 
 

Lo scatto evidenzia il dimagrimento ottenuto dalla Kardashian con i duri allenamenti sotto la guida di un personal trainer ingaggiato dopo essere stata offesa e insultata per la cellulite fotografata dai paparazzi. 
Poco dopo aveva suscitato delle polemiche per aver pubblicizzato la sua dieta ferrea.  Nelle stories pubblicate la sorella Khloé e Kendall Jenner la accusavano simpaticamente di aver smesso di mangiare per perdere peso. 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Belen Rodriguez, è già il dopo Andrea Iannone: col nuovo "cavaliere" prima cena e poi casa
Morto Zanza, il re dei 'vitelloni' romagnoli aveva 63 anni: «Infarto mentre faceva sesso con una 23enne»
Miss Italia, Carlotta Maggiorana squalificata per le foto nuda? La commissione ha deciso
«Nonna ho visto il cosino di nonno», bimba di 4 anni denuncia gli abusi sessuali
Asia Argento, Morgan: «Sono cazzi suoi, io non parlo perché ci siamo detti ti amo»