Ambra Angiolini innamorata: «Max Allegri mi ha rianimato. Vi racconto come ci siamo conosciuti»

«Quando finisce una storia hai sempre due possibilità: continuare a bombardare oppure dire “no, non è questo che ci meritiamo”. Due anni fa il cuore ha smesso di battere per una persona gigantesca e poi è stato rianimato da un altro uomo che lo ha fatto con una dolcezza che non si può raccontare». Dopo un lungo silenzio Ambra Angiolini torna a parlare dalle sua sofferta separazione da Francesco Renga e del nuovo amore, l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri.

Ambra in lacrime dopo la telefonata: ecco cosa è successo




Dopo l'addio all'ex, come ha raccontato in un'intervista a "Vanity Fair",  aveva bisogno di pensare un pò a se («Quando è tramontata la storia precedente avevo bisogno di fare qualcosa per me. Ho strappato un velo e non l’ho fatto né per altruismo, né per bontà, né tantomeno, come dicono in tanti facendomi inc….re, per i figli. Avevo bisogno di brillare perché se non brillo io e non sono felice non possono esserlo neanche le persone alle quali voglio bene») e poi c'è stato l’incontro con Allegri, con cui si erano prima scritti: «E poi ci siamo incontrati», dice Ambra che poi aggiunge: 
 


«È arrivato l’unico uomo nella vita che sia stato capace di abbracciarmi senza stringermi. È arrivato quello che non stavo cercando ma che era necessario trovassi. Ed è talmente bello che non mi interessa che qualcuno capisca né che la cosa piaccia o dispiaccia. Per la prima volta mi interessa soltanto una cosa: saper che tornerà da me. Sempre»
 

 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Boom di furti con la bottiglietta d'acqua: lo stratagemma dei ladri per entrare senza lasciare segni
Negramaro, il chitarrista come sta: le ultime notizie. Lele Spedicato, il malore davanti alla moglie incinta
Belen Rodriguez è incinta? Arriva la foto con il pancino
Estrazioni di Lotto e Superenalotto di martedì 18 settembre 2018: i numeri vincenti
Scossa di Terremoto a Napoli, avvertita distintamente da molti cittadini partenopei. Epicentro a Pozzuoli