Peste "nera" in Mongolia, due contagi e scatta la quarantena: «Hanno mangiato carne di marmotta»

GUARDA IL VIDEO

Peste nera in Mongolia. Avrebbero contratto la malattia mangiando carne di marmotta. I casi di contagio da "peste nera" sono un giovane 27enne e un'altra giovane donna dall'età ancora sconosciuta. La regione che ha registrato la malattia è Khovd, in Mongolia occidentale, al confine con la Russia, zona dove è scattata la quarantena.  Lo rende noto il Moscow Times, che riporta come fonte alcuni media locali. 

Covid, morto bimbo di 11 anni: il messaggio commovente del padre
 
Secondo il Centro nazionale della Mongolia per la malattia zoonotica (Nczd), i test di laboratorio hanno confermato che i due individui hanno contratto la cosiddetta "peste delle marmotte". E sono in corso test su altre persone che sono entrate in contatto con i due contagiati. I campioni sono stati prelevati da 146 persone che, a suo dire, hanno avuto contatti con le due persone infette e sono stati identificati 504 individui che hanno avuto un secondo contatto.

La quarantena è stata disposta dalle autorità sul capoluogo di provincia e su uno dei distretti della regione, a circa 500 chilometri a sud delle repubbliche siberiane meridionali di Tyva e Altai. Ai veicoli è momentaneamente 
vietato l'accesso in questa area. 

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Coronavirus, 3 morti e 574 nuovi casi in più: meno ricoverati, ma salgono i positivi e i malati in terapia intensiva
Viviana Parisi e la scomparsa del piccolo Gioele, tutti i punti da chiarire. L'ultima ipotesi: forse il bimbo è morto in autostrada
In Puglia ora è allarme Covid. Lopalco: «Cinque ragazzi tra i 20 e i 30 anni ricoverati in condizioni severe»
Donna rifiuta la mascherina e fa fermare il treno. «Siete popolo di schiavi». Vagone in rivolta
Oroscopo del week end di Paolo Fox: ecco le previsioni per la giornata di Ferragosto