Isabel morta a 9 anni per aver mangiato il biscotto sbagliato: «Le due confezioni erano troppo simili»

Una bimba, Isabel Marrero, è morta a 9 anni per aver mangiato il biscotto sbagliato. È stata stroncata da una reazione allergica dopo aver aperto una confezione dei suoi biscotti preferiti dallo scaffale ma, purtroppo, non erano esattamente quelli che mangiava di solito. La confezione era davvero molto simile e la mamma non si è accorta che all'interno presentava un ingrediente che si è rivelato fatale. Il dramma è avvenuto in Australia. 

Bambino morto annegato nella piscina di un hotel: aveva 4 anni

Mangia sushi e si scatena una reazione allergica: mano amputata​

L'azienda, la Cadbury, che si è detta «col cuore spezzato» per l'immane tragedia, ha ora promesso di cambiare la confezione per rendere chiare le differenze tra i biscotti. Ha dichiarato che avrebbe aggiunto diversi colori e descrizioni più chiare nei pacchetti in modo che i clienti potessero distinguerli: «L'obiettivo è quello di evidenziare ulteriormente che i prodotti sono diversi». 

Tuttavia, i nuovi prodotti non saranno disponibili sugli scaffali fino al prossimo anno, poiché impiegheranno mesi per spedirli in Australia. La società ha aggiunto: «Il prodotto viene dall'estero e spedito in Australia, ci vorranno alcuni mesi per averlo qui». La mamma, devastata per la perdita della sua piccola, si è sentita in dovere di fare un appello a tutti i genitori: «Per favore, vi prego, leggete bene ogni volta che acquistate un prodotto, anche se lo hai comprato per cinque anni».

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Deborah, le ultime tragiche parole al papà: «Non lasciarmi, ti voglio bene». Morto per una coltellata all'orecchio
A fuoco autobus con 20 studenti a bordo: terrore in strada
Cucchi, Arma e Ministero chiedono di costituirsi parte civile. Ilaria: «Al nostro fianco, è la prima volta»
Giampiero Galeazzi si commuove per la telefonata di Mara Venier in diretta a Storie Italiane
Inps, a giugno scatta il conguaglio. E arriva il taglio alle pensioni d'oro