Medico ucciso da una pallottola vagante: muore a 31 anni mentre è a letto

Tragedia ad Atlanta: un colpo sparato per divertimento è stato letale per un medico inglese

Medico ucciso da una pallottola vagante: Matthew muore a 31 anni mentre è a letto

Un medico inglese di 31 anni è stato colpito a morte da una pallottola vagante negli Stati Uniti nel pieno della notte mentre era sdraiato sul suo letto: l'episodio, avvenuto in Georgia - riporta l'Independent - ricorda la recente morte a Los Angeles di una ragazzina uccisa da una pallottola vagante sparata dalla polizia.

 

Leggi anche > La scienza risolve un caso vecchio 12 anni: il cervello della moglie incastra il killer

 

Matthew Wilson, questo il nome del medico, era arrivato negli Usa dal Surrey per visitare alcuni suoi parenti e si trovava in un appartamento nel quartiere di Brookhaven, ad Atlanta, quando un colpo sparato, forse per divertimento, da un altro appartamento lo ha centrato alla testa lo scorso 16 gennaio.

 

L'uomo è stato portato in ospedale, dove è deceduto. La polizia ha definito la sparatoria avvenuta nell'appartamento vicino a quello in cui si trovava il medico «un atto casuale che ha coinvolto individui che partecipavano all'uso sconsiderato di un'arma da fuoco».

 

Finora non sono stati eseguiti arresti. Nel caso di Los Angeles, il 23 dicembre scorso la 14enne Valentina Orellana-Peralta si trovava con la madre in uno dei camerini del grande magazzino Burlington per provare un abito, quando è stata colpita da un proiettile vagante sparato dalla polizia che era intervenuta per una possibile sparatoria.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Joe Biden, Zuckerberg e Freeman (ma non Trump). I 963 cittadini Usa messi al bando dalla Russia
Lascia la figlia di 5 anni chiusa in auto sotto il sole e va al supermercato: bimba salvata dai passanti
Ospita un'ucraina che fuggiva dalla guerra: dopo una settimana lascia moglie e figli e scappa con lei
Estrazioni Lotto, Superenalotto e 10eLotto di sabato 21 maggio 2022: i numeri vincenti
Michele Merlo, il papà in lacrime a Verissimo: «Per salvarlo bastava un'analisi del sangue»