Ortodonzia Invisibile, un bel sorriso è per tutti: addio agli apparecchi antiestetici -Video

GUARDA IL VIDEO

Un bel sorriso è alla portata di tutti grazie al Centro per l'Ortodonzia Invisibile. Nella sede situata nel cuore di Roma il dottor Francesco Maria Caligiuri spiega che adolescenti e adulti non devono più rinunciare a una dentatura perfetta. L'apparecchio antiestetico e fastidioso è stato sostituito da mascherine altamente tecnologiche e invisibili.

"I nostri pazienti - spiega il dottor Caligiuri - sono molto felici di portare questi apparecchi che, oltre a non avere nessuna visibilità, permettono la perfetta pulizia dei denti grazie alla loro rimovibilità e non hanno tutti gli effetti collaterali e fastidiosi degli apparecchi tradizionali. L'ortodonzia invisibile sfrutta un escamotage tecnico per poter raddrizzare i denti senza che ci sia visibilità dell'apparecchio. Ciò è reso possibile grazie a innovazioni tecnologiche (...) che permettono l'allineamento progressivo dei denti a tutte le età". 

"Originariamente l'Invisalign parte per gli adulti che ritenevano di non poter portare l'apparecchio per ragioni professionali o altro. Piano piano si è aperto anche agli adolescenti.  Il nostro studio - aggiunge il dottor Caligiuri - è congegnato per massimizzare le possibilità dell'ortodonzia invisibile attraverso l'uso di uno scanner intraorale che sostituisce le impronte tradizionali e questi modelli virtuali sono prodotti direttamente dalla bocca del paziente attraverso una ripresa cinematografica". 

 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Mamma infermiera uccide i figlioletti di 7 e 9 anni e si suicida. Ha lasciato due lettere: «Non ce la faccio più»
Migranti, ripescato un corpo di un algerino nel mare della Sardegna, nove i dispersi
Folgaria, dramma familiare: un uomo ha sparato al figlio della companga e poi si è ucciso
Napoli-Salerno, esplosione in galleria: inferno sui binari, cinque feriti. Circolazione sospesa
Papà si sveglia e trova la figlioletta di 4 mesi morta. L'esperto: «Bimbi a rischio se dormono nel lettone»