Combattimenti tra bufali, l'animale attacca e uccide il suo allevatore -Video

Quella dell'allevamento di bufali da competizione e da combattimento è una vera e propria tradizione in Vietnam: le gare tra questi animali, nel paese asiatico, sono un po' come la corrida in Spagna. E, come accade nel paese iberico, molto spesso gli animali muoiono tra atroci sofferenze, al termine di combattimenti sanguinosi.

A Hai Duong, nell'omonima provincia, un allevatore è stato però attaccato e ucciso dal suo stesso bufalo: l'animale aveva puntato un altro allevatore, che però era riuscito a mettersi in salvo oltre le transenne, poi ha deciso di ripiegare sull'uomo, incornandolo violentemente e facendogli fare un balzo di alcuni metri.

L'uomo è morto in ospedale in seguito alle ferite riportate, mentre il bufalo è stato abbattuto e sulla carcassa verranno effettuate analisi per verificare la presenza di sostanze dopanti e stimolanti, in grado di aumentarne l'aggressività. I combattimenti tra bufali in Vietnam sono stati vietati per tutto l'arco della guerra (dal 1955 al 1975) e, da quando sono stati ripristinati, è la prima volta in cui un uomo perde la vita durante queste manifestazioni.

Leggi l'articolo completo
su Leggo.it
Outbrain
Morto Karl Lagerfeld: la moda in lutto, addio al direttore creativo di Fendi e Chanel
Caso Collovati, l'ad Rai valuta sospensione opinionista. Lui si scusa: «Mie frasi inopportune»
Zaniolo, l'intervista delle Iene alla mamma Francesca Costa fa infuriare i tifosi: «Che posizione ti piace?»
Abusi sessuali e botte sugli anziani: casa di riposo lager scoperta nel Bolognese
Malena, sesso con Nacho Vidal. Lui ha l'Hiv ma lei è tranquilla: «Faccio sempre i test»