Bolzano e dintorni, sette cose da fare (e vedere) assolutamente nel cuore del Sudtirol
di Eleonora Giovinazzo

Bolzano e dintorni, sette cose da fare (e vedere) assolutamente nel cuore del Sudtirol

  • 11
    share
Dalle Dolomiti ai laghi, Bolzano e dintorni offrono una natura eccezionale. Oltre alla città, dove sono sicuramente da visitare il Duomo, i Portici, il mercato di Piazza delle Erbe, il Museo Archeologico e i mercatini durante le feste natalizie, chi ama la natura troverà dei paesaggi meravigliosi e un relax totale. 

Scopriamo insieme sette cose da fare e da vedere assolutamente a Bolzano e dintorni

1 - Lago di Braies. Considerato la perla dei laghi alpini, il Lago di Braies è un paradiso naturale tra le Dolomiti. Si trova a circa 97 chilometri da Bolzano,  a 1.496 m s.l.m. nel comune di Braies, ed è un lago di origine franosa: la sua creazione è dovuta allo sbarramento del rio Braies a causa di una frana staccatasi dal Sasso del Signore. Il colore blu intenso delle sue acque e lo scenario in qui è immerso lo rendono un posto da fiaba. Nell'estate 2010, sulle sponde del lago di Braies, è stata girata la serie televisiva “Un passo dal cielo”, trasmessa da Rai 1 dal 2011, sono tanti i turisti che vanno lì dopo essersi innamorati del lago grazie alla serie tv.
 

2 - Lago di Carezza. Si trova in Val d’Ega, a circa 25 km da Bolzano ed è uno dei laghi naturali più famosi e spettacolari del Trentino Alto Adige. E’ un bacino naturale immerso in una foresta di abeti rossi e bianchi, pregiati legni armonici da cui si ricavano ancora oggi i violini. I viaggiatori si troveranno di fronte a uno specchio d’acqua che varia dalle tonalità del verde e del turchese e circondato dalle montagne. E’ conosciuto anche come il Lec de Ergobando, o lago dell’arcobaleno in lingua ladina, prende il nome dalle “Caricaceae”, le piante con le larghe foglie che circondano le rive, ma è noto come il Lago dell’arcobaleno sia per i riflessi delle sue acque che per la leggenda della sirena Ondina. Si narra che il lago fosse abitato da una bellissima sirena e che uno stregone, innamoratosi di lei, creò un arcobaleno sul lago per attirarla a sé. Ondina spaventata si immerse in acqua per non uscirne più, e lo stregone furibondo frantumò l’arcobaleno in mille pezzi, gettandolo nel lago. La statua di Ondina oggi è al centro del lago, a volte sommersa del tutto o in parte. Le rive del lago sono interdette, ma ai bordi si trova un sentiero che si può percorrere a piedi o in bicicletta.
 

3 - Lago di Monticolo. Si trova a 16 chilometri da Bolzano e in realtà si tratta di due laghi di origine glaciale, il Lago Grande e il Lago Piccolo, immersi in boschi di conifere e in un magnifico paesaggio alpino. D’inverno il lago ghiaccia e si può pattinare come in una fiaba.
 
 

#lagodimonticolo #montigglersee #südtirol #italy🇮🇹 #italien #zeitfüruns

Un post condiviso da Theresia Lutze (@reeeschen) in data:



4 - Parco Naturale Puez-Odle. Prende il suo nome dal Gruppo delle Odle e dal Gruppo del Puez ed è situato tra la Val Gardena e l’Alta Badia. Qui si trovano tutti i tipi di roccia, strati di sedimento e forme di disgregazione caratteristici per le montagne dolomitiche. Un’amata meta è il sentiero natura di Zannes in fondo alla Val di Funes, il primo sentiero naturalistico in Alto Adige che è percorribile anche in sedia a rotelle. L’aquila reale, il camoscio alpino, il capriolo e la marmotta delle Alpi fanno parte della fauna del Parco Naturale Puez-Odle, istituito nel 1978 e ampliato nel 1999 con l'annessione della zona di Rasciesa (facente parte del comune di Ortisei).
 

5 - Funivia del Colle. Inaugurata nel 1906, la Funivia del Colle di Bolzano è la più antica funivia del mondo. Sale dai 265 metri sul livello del mare della città fino ai 1100 metri del Monte Colle, in appena 5 minuti. Dal monte si gode di una splendida vista e dal paesino di Colle partono numerose escursioni. Sempre nei dintorni di Bolzano sono attive la Funivia del Renon e quella di San Genesio, ottime soluzioni per passare una piacevole giornata in montagna.
 
 

#downtown#panorama#blick#scendendo#città#bolzanocity#colle#kohler#funiviadelcolle#volgobolzano#mountains#altoadigeweb

Un post condiviso da sarahvalier (@sarahvalier) in data:



6 - Castelli di Bolzano e viti. Oltre alle viti, altra caratteristiche delle valli intorno al capoluogo altoatesino sono i castelli, che ricordano il passato nobiliare delle famiglie bolzanine e l’esigenza di difendere questa zona di confine. Sicuramente meritano una visita Castel Roncolo, Castel Mareccio, Castel Firmiano, Castel Rafenstein e Castel Flavon.
 

7 - Duomo, portici e mercatini. Senza dubbio vale la pena visitare il Duomo di Bolzano, ossia la Cattedrale di Maria Assunta, un capolavoro romanico e gotico. Uno dei centri della vita cittadina di Bolzano è la centralissima Piazza delle Erbe, animata sia di giorno, con un bel mercato alimentare (dove comprare speck e altre specialità dell’Alto Adige) sia di sera, quando si riempie di giovani. Piazza Erbe è anche un buon punto di partenza per esplorare i famosi portici di Bolzano, che costeggiano gran parte delle vie del centro storico. Non lontano da Piazza delle Erbe si trova Piazza Walther Von Der Vogelweide. In Piazza Walther, la stessa in cui troneggia il Duomo, si tengono numerose manifestazioni, fra cui i celebri Mercatini di Natale.
 
Lunedì 28 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 30-08-2017 01:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME