Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 27 Luglio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

"Siete teste di donne, voglio parlare con gli uomini".
Lite e insulti in diretta da Barbara D’Urso

COMMENTA

Domenica 20 Marzo 2016, 18:10

di Valeria Arnaldi
ROMA - “Nessun intervento chirurgico da parte mia. Io modello qualsiasi parte del corpo. Il mio motto è: Dio ti crea e Lemme ti modella”. Alberico Lemme, bioscultore come si autodefinisce,  che ha curato la dieta di Flavio Briatore facendogli perdere sedici chili, interviene a Domenica Live nel “caso” Briatore scoppiato sui social.  “Io sono socio del Padre Eterno al 51%, lui è umile, ha il 49%”, aggiunge Lemme. Scoppia subito la polemica in studio. La prima a rivolgersi a Lemme è Karina Cascella: “Lei è un farmacista, non può prescrivere diete”. Lemme replica: “Stia zitta, lei è una gallina, è una gran testa di donna…”. Prova a discutere in modo pacato Manuela Villa. E Lemme attacca anche lei, rivolgendosi alla conduttrice: “Perché ha invitato le donne? Siete teste di donne, io voglio parlare con gli uomini”. La tensione sale in maniera evidente, ma Barbara D’Urso cerca di mantenere la conversazione sul tema della dieta.  “Il mio metodo è basato sulla biochimica alimentare, non sulla caloria, che è una vera bufala scientifica - spiega Lemme - Sono riuscito a capire e a scoprire che il cibo agisce sugli ormoni. Preoccupata la Cascella: “In un’epoca in cui combattiamo contro l’anoressia delle ragazze, non possiamo mandare questi messaggi. Non si può perdere un chilo al giorno, fa male”.
La questione Briatore lifting o non lifting, ormai, è superata dalle parole e, in alcuni casi, gli insulti, che volano in studio.
Lemme ribadisce la sua linea e anche le provocazioni, ripetendo “testa di donna” a tutte le ospiti in studio, e arrivando perfino a dire: “Nonostante sia donna, è un essere vivente”. Il suo metodo inizia dicendo alle donne che si recano in studio da lui: “Buongiorno cicciona, non si vergogna ad andare in giro così?”.
Nadia Rinaldi, in videocollegamentogli dice “Lemmentecatto. Lei non può mandare questi messaggi a persone che hanno problemi di salute. Gli altri non sono più fessi perché hanno fatto un percorso e portano i segnali della addominoplastica”. Per poi concludere: “Io vorrei vedere i genitali del signor Briatore e vedere se è riuscito a tenerli sodi”.
Lemme cerca di tacitarla dicendole che è rimasta “cicciona”. La Rinaldi replica: “Sei un demente. Devi ringraziare che sono a Roma, vengo lì, ti tolgo gli occhiali e ti meno. Sei un povero demente”. E Lemme: “ricco, sono ricco”. Continua il duello con la Rinaldi: “Lei è ricco alle spese degli altri perché ruba i soldi”.
Nel frattempo, viene mandato in onda un servizio con accuse di pazienti del dottore Lemme, che dicono di aver perso peso, come promesso, ma di aver poi avuto problemi di salute.
“Sono stato accusato di abuso di professione e assolto dal tribunale di Monza”, chiarisce Lemme.
La domanda conclusiva è al professor Pietro Lorenzetti: Si può dimagrire di 19 chili, come Briatore, e con la dieta Lemme automaticamente avere la pelle tesa?
“Questo è un bioimbroglio, una presa per i fondelli. Non entro nel merito del dottor Lemme. Il problema non è se con quella dieta perdi 15 o 20 chili, ne puoi perdere anche di più, ma fa male al fisico e non serve niente. Dopo pochi mesi riprendi tutto. La pelle non si ritrae in quel modo a sessant’anni. Se fosse così, noi saremmo disoccupati”.
“È questo che fa paura”, commenta Lemme. “Io sono il futuro”.
Manuela Villa lancia un appello: “A tutte le donne che hanno ascoltato questa persona parlare in questa maniera, voglio dire: non vi azzardate ad andare da uno così, che vi tratta male e non risolve niente”.
La D’Urso chiede a Lemme di smetterla di offendere le donne e, per tutta risposta, questi replica: “Non è colpa mia se siete donne”. La conversazione viene rimandata alla prossima puntata. Sono due le condizioni poste dagli ospiti. Lemme chiede che siano “invitati uomini”. E la Rinaldi di poter “essere in studio”. Si annuncia un secondo “round” decisamente caldo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO