Stati Uniti, un milione di dollari a chi risolve enigma “otto regine”
di Marta Ferraro

Usa, un milione di dollari per chi risolve l'enigma delle “otto regine”

  • 77
    share
Il Clay Mathematics Institute con sede in America ha offerto un premio di un milione di dollari per chi trova una soluzione per un vecchio rompicapo del gioco degli scacchi, conosciuto come "il problema delle otto regine", convinto che questo interrogativo possa risolvere contestualmente anche le sfide connesse alla vita quotidiana.

L'invito che ha suscitato una forte dibattito tra gli esperti è stato accolto anche dai ricercatori dell'università di St. Andrews in Scozia. 

L'enigma è aperto dal lontano 1850 e il suo nome è connesso alla dimensione della scacchiera: otto righe e otto colonne che formano uno spazio di 64 quadrati su cui due regine, una per ogni avversario, possono muoversi orizzontalmente, verticalmente o diagonalmente per "mangiare" le altre pedine.  
Per risolvere l'enigma, bisogna porsi diverse domande tra le quali è possibile collocare otto regine in modo tale che nessuna di esse minacci l'altra? Ma poi è possibile farlo con un numero 'n' di regine su una tavola da scacchi di 'n' file e 'n' colonne.

La risposta a entrambe le domande è certamente sí. Quando però la sfida consiste nel trovare soluzioni per le schede più estese di 1.000 righe e colonne, serve un nuovo software: i computer attuali potrebbero impiegare migliaia di anni per trovare una soluzione.

"Se si potesse ideare un programma che risolva rapidamente il quesito, esso si potrebbe adattare per risolvere molti dei problemi più importanti che ci coinvolgono ogni giorno", ha riferito Ian Gent dell'Università di St. Andrews. "Questo include sfide banali come determinare quali dei nostri amici di Facebook non si conoscono o sfide molto più importanti come decifrare la crittografia più sicura di Internet ", ha aggiunto Gent, come riporta il Journal of Artificial Intelligence Research.
Lunedì 4 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 21:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME