Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Martedì 28 Giugno 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Cervello attivo e buona memoria dopo i 50 anni? Ecco cosa bisogna fare

COMMENTA
Cervello attivo e buona memoria dopo i 50 anni? Ecco cosa bisogna fare

Lunedì 7 Marzo 2016, 14:11

Come mantenere il cervello in forma passati i 50 anni? Niente cruciverba ma serve una sana e attiva vita sessuale che può essere determinante nel migliorare la funzione cognitiva e il benessere del cervello. E' quanto rileva uno studio condotto da Hayley Wright e Rebecca A. Jenks della Coventry University, in Gran Bretagna.  Nella ricerca, condotta su un campione di uomini e donne tra i 50 e gli 89 anni, utilizzando i dati della 'Engligh Longitudinal Study of Ageing' (ELSA) - panel rappresentativo che raccoglie informazioni su salute, stile di vita e variabili socio-economiche negli adulti di età superiore ai 50 anni in Gran Bretagna - sono stati evidenziati alcuni possibili effetti dell'attività sessuale su cognizione e cervello in età avanzata (LEGGI).  In particolare, dallo studio è emerso che le persone con più di 50 anni che fanno sesso più o meno regolarmente hanno ottenuto punteggi più elevati nei test di memoria e che continuare ad avere rapporti sessuali in età avanzata è legato ad una migliore funzione cognitiva.  Due i test a cui sono stati sottoposti i partecipanti: il primo sulle sequenze di numeri (funzione esecutivo-cognitiva) mentre il secondo è il cosiddetto 'richiamo' (memoria in generale).  I risultati hanno mostrato che gli uomini avevano associazioni significative tra l'attività sessuale e sia la funzione esecutiva che la memoria generale; per le donne, invece, c'è stata una significativa associazione tra attività sessuale e 'richiamo' ma non con la funzione esecutivo-cognitiva del cervello.  "Le differenze di genere nelle funzioni cognitive possono essere legate alle differenze di sviluppo e di struttura del cervello. Pertanto - si legge nella ricerca - è possibile che i correlati fisiologici dell'attività sessuale (ad esempio, la produzione di testosterone per lui e di ossitocina per lei) abbiano effetti diversi sul cervello e sulla funzione cognitiva di uomini e donne".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO