Primo giorno di scuola: come conquistare i professori

Primo giorno di scuola: come conquistare i professori

Partire con il piede giusto è sempre meglio che arrivare con l’acqua alla gola alla fine dell’anno. Per farlo, ci sono diversi modi, che si concentrano quasi tutti sui professori e sull’impressione che a loro si dà. Infatti, di solito, quando si parte con una serie di buoni voti ci si può permettere di rallentare un po’ in seguito, avendo in cassaforte la promozione già qualche mese prima della fine della scuola. Questo perché spesso i professori tenderanno ad aiutare chi ha dimostrato buona volontà, quando gli insegnanti dovranno decidere chi promuovere, bocciare o rimandare. Lo scrive Skuola.net.

Arrivare in orario e sedersi nelle prime file
Vietati i ritardi: il primo giorno di scuola è preferibile arrivare in orario se non in anticipo. Poi, una volta entrati in classe, al momento di decidere i posti, è consigliabile sceglierne uno nelle prime due file: è un segnale che i professori vedranno molto positivamente, poiché solitamente, sedersi agli ultimi banchi può significare che si è disinteressati alle spiegazioni dei professori essendo più coperti e meno “esposti” agli sguardi degli insegnanti. Tra l’altro, dagli ultimi banchi, è anche più facile copiare.

Mostrarsi interessati e attenti
Quando il professore spiega, è bene sembrare più attenti e interessati possibile. Per l’insegnante questo sarà un ottimo segnale, mentre farsi vedere annoiati e disinteressati può farli innervosire. Si sa, lo scarso interesse per la propria materia non è mai piaciuto ad alcun professore.

Partecipare alla lezione
Un altro modo per sembrare attenti e mostrarsi interessati è fare domande e chiedere che siano rispiegate le cose che non si sono capite. Questo fa pensare che vi stiate davvero interessando e che abbiate seriamente voglia di capire ciò che viene spiegato. Poi, può aiutare anche prendere appunti e annotare qualche nozione. Facendo entrambe queste cose, sembrerete proprio degli studenti modello che hanno la seria intenzione di imparare e comprendere.

Non sembrare timidi
Ovviamente, ci si deve dedicare anche a fare buona impressione con i vecchi o con i nuovi compagni di classe. Perciò, è meglio essere da subito amichevoli e loquaci, piuttosto che timidi e taciturni, scambiando qualche parola anche con i prof. Ricordate però di non esagerare: non vorrete mica sembrare dei “chiacchieroni”?
Mercoledì 6 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME