«Una risata vi... maternità»

«Una risata vi... maternità»

«E comunque il film fa molto ridere»: Michela Andreozzi lo propone come un mantra nella sua visita e debutto come direttore per un giorno a Leggo. E Leggo accetta la sfida: durante l'intervista video ai nomi del cast di Nove Lune e mezza, il suo debutto alla regia cita Giorgio Pasotti e Claudia Gerini («che fanno molto ridere»), Lillo e Stefano Fresi («che ovviamente fanno molto ridere»)...
Con lei, Michela porta il compagno nella vita Max Vado a cui regala un ruolo nel film particolare: «Questo è un film meritocratico, lui è l'unico parente di... E allora fa il marito di Stefano Fresi: una coppia modernissima che ha due figli nati in Canada dove le donne che prestano l'utero lo fanno volontariamente e senza percepire denaro». La Andreozzi nel film è la sorella che vuole assolutamente essere madre e non può, «mentre nella vita sono una donna che vuole affermare il diritto di non volerlo essere e io non lo voglio essere». Il figlio glielo dona una Claudia Gerini che «sarebbe l'alter ego mio, me lo sono scelto bene: Claudia è bellissima, sotto tutti i punti di vista».
Un film in cui si ride con mamme in attesa e una mamma in burn out, la Federica Cifola che alla radio e sui social spopola con la ga della mamma delle chat scolastiche. «Ma ora, realmente - dice la Cifola, star di Black out, ora al teatro Golden di Roma -, devo lasciare la riunione che ho l'assemblea di classe: dobbiamo eleggere la rappresentante. Io no, però... Qui da mamme perdi pure l'abitudine di fare la doccia...»
L'attualità, mentre gli spettatori cominciano ad entrare nelle sale, porta sul tavolo di riunione il caso Weinstein: «Intanto assurdo ora sentir dire da donne che le donne non hanno denunciato per anni: io dico, prima di tutto passaci tu in mezzo alla paura e alla fragiiltà: In Italia per fortuna nessuno ha un potere così grande». Andreozzi si dichiara secchiona: «Simpatica ma preparata dalla scuola alla regia. E bravi Marcorè e la Serena Rossi in prima serata di Raiuno: uno sfiotto de meritocrazia...»
Max Vado, intanto, sistema la formazione del Fantacalcio: «Ma tra noi attori abbiamo una chat segreta, una specie di Fight Club: facciamo quello della serie B». E prossimamente su Leggo, dopo il debutto di Nove Lune e Mezza, proprio Max scriverà per noi una summa. «Il Fantacalcio è protagonista anche del film: andate al cinema e vedrete». «Che fa' ridere», chiude Andreozzi col suo mantra.
(Al.Mo.)
riproduzione riservata ®

Venerdì 13 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 05:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME