CASTEL FUSANO

CASTEL FUSANO

Lorena Loiacono
La Pineta di Castel Fusano brucia e dal Campidoglio divampano le polemiche: «Il primo canadair ha denunciato la sindaca Raggi, accorsa sul posto durante i soccorsi - è arrivato dopo un'ora quando il fuoco era già divampato purtroppo. Ora pare ne stia arrivando anche un altro. È un disastro ambientale, buona parte della Pineta è andata distrutta. Serve l'aiuto della Regione del Governo». Immediata la replica dalla Protezione civile: «In riferimento alle parole del sindaco Raggi sul tardivo arrivo dei Canadair, la Protezione Civile Regionale precisa che la segnalazione è arrivata alle ore 15:51 e il primo elicottero è stato inviato alle ore 15:52». Gli interventi dei vigili del fuoco sono andati avanti per ore con l'Agenzia regionale di Protezione Civile del Lazio intervenuta con cinque elicotteri, un canadair, sei autobotti e venti squadre tra operatori e volontari. Un inferno di fuoco, che riportava alla mente il terribile rogo del 2000, fumo ovunque sotto gli occhi terrorizzati dei residenti e non solo. L'allarme arrivava fino a Roma, con la Cristoforo Colombo chiusa al traffico e le fiamme divampavano su più punti: all'Infernetto, a ridosso di via Martin Pescatore, un altro a seguire in via del Circuito, poi in via Lido di Castel Porziano e lungo via Cristoforo Colombo, chiusa appunto all'altezza di via di Casal Palocco in entrambe le direzioni. I bagnanti fuggivano via dalle spiagge, con il canadair che arrivava a riva per prendere l'acqua, e alcune abitazioni sono state evacuate: «Viviamo nel terrore da settimane, non è normale: troppi casi ravvicinati». C'è chi parla di piromani e chi denuncia bivacchi, insediamenti abusivi all'interno della Pineta e situazioni assolutamente fuori controllo: «la Pineta è abbandonata, questo è un disastro annunciato». Ieri i carabinieri hanno arrestato un idraulico 22enne, sorpreso a dar fuoco a fazzoletti di carta in Pineta. Ma le polemiche non si fermano: «da settimane la Pineta è vittima di piromani e criminali denuncia il leader dei Verdi, Angelo Bonelli - è abbandonata anche dal Comune di Roma». Stessa denuncia arriva dal deputato Pd, Marco Miccoli: «Roma brucia ma non ha un piano d'emergenza, fermo dal 2008, e non ha un capo della protezione civile. Raggi a casa».
riproduzione riservata ®

Martedì 18 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 05:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME