IN LOMBARDIA

Perdite già pari a 90 milioni di euro, con danni soprattutto alle colture di mais e frumento. La siccità si fa sentire anche nelle campagne lombarde. L'allarme arriva da Coldiretti, che durante l'assemblea nazionale con i rappresentati di tutte le province ha presentato un dossier sulle conseguenze che il clima anomalo del 2017 sta avendo sulle coltivazioni e sulle imprese agricole del Paese.
Un anno, quello in corso, che secondo i dati dell'associazione si inserisce tra i più caldi e siccitosi degli ultimi due secoli. Con ripercussioni gravi un po' ovunque. A livello nazionale si stimano, complessivamente, circa 2 miliardi di perdite. In Lombardia in particolare, circa 60 milioni di euro di danni riguardano le sole attività legate a mais e frumento e gli altri 30 dei 90 stimati, sono divisi tra il calo di produzione di latte per il caldo e l'aumento dei costi energetici per le irrigazioni e per i sistemi di aerazione che rendono più fresche le stalle. Ma per il bilancio definitivo si deve attendere la fine dell'estate.(E.Stra.)
riproduzione riservata ®

Martedì 18 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 05:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME