Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Martedì 27 Settembre 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Roma, Meloni si candida sindaco. Schiaffo a Berlusconi

FOTO | VIDEO | 7 COMMENTI

Mercoledì 16 Marzo 2016, 12:16

Alle ore 12, nella piazza del Pantheon, dopo giorni di tira e molla e dubbi il dado finalmente è tratto: Giorgia Meloni annuncia la sua discesa in campo accendendo, di fatto, la miccia per l'implosione del centrodestra in tutta la penisola. La candidatura della leader di Fdi, infatti, è lo specchio di una nuova e clamorosa rottura tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi che, sull'onda della frattura capitolina, ora rischiano seriamente di correre separatamente a Torino, Bologna e anche a Napoli. Perchè se il passo della Meloni arriva in piena sintonia con la Lega, l'ex premier, su Guido Bertolaso, non cede. Tanto che l'ex numero della Protezione civile rilancia: «vado avanti come una ruspa».
I fatti, però, dicono che a Roma, a meno che nei prossimi giorni non si concretizzi un ticket Meloni-Bertolaso dato oggi per quasi impossibile, Lega e Fdi correranno assieme lasciando, dopo le gazebarie dello scorso weekend, Bertolaso a FI. «A Roma non ci sono condizioni per l'unità»,sottolineava in mattinata Salvini preceduto dall'ex Cavaliere, il quale si diceva sicuro che, a dispetto di Meloni, Bertolaso vincerà. Il leader azzurro quindi è passato all'attacco: «i leghisti di Roma sono tutti ex fascisti quindi hanno vecchie liti tra loro che sfociano tutti i giorni». Poi è toccato a Meloni fare il cruciale passo avanti, sottolineare (dopo le polemiche sulla sua maternità) come «nessun uomo possa dire ad una donna cosa fare e lanciare un ultimo, forse tardivo, appello a Berlusconi: «non lasciamo che vinca il M5S». Parole che sottintendono quello che dalla Lega argomentano ormai da tre settimane: con Bertolaso non si fa altro che fare un piacere a Matteo Renzi. Poi Salvini è volato a Torino "estendendo" il perimetro della rottura e dicendo addio a Osvaldo Napoli con la candidatura del notaio Alberto Morano. «Berlusconi fatica a capire l'importanza di candidare persone pulite», è la stoccata di Salvini che, a questo punto, a Bologna difficilmente cederà sulla "sua" Lucia Borgonzoni.  Del resto, sebbene il diretto interessato neghi, quella di Salvini ha tutta l'aria di essere una scalata al centrodestra, con tanto di appuntamenti all'estero (in Israele e poi negli Usa, dove forse incontrerà Donald Trump) e "annessioni" parlamentari, che oggi prende le fattezze dell'ex Fi Guglielmo Picchi e che, nei prossimi giorni, potrebbe vedere «nuovi arrivi», prevede sornione il leader leghista. Quella dei tre leader del centrodestra a Bologna sembra insomma una foto ormai sbiadita e, a testimonianza della tensione tra Berlusconi e Salvini, c'è l'annullamento dell'intervento del secondo a Mattino 5, previsto per domani. Mentre Salvini, anche oggi, torna a sottolineare come qualcuno, vicino al Cavaliere, forse preferisca quel clima da Nazareno estraneo a Lega e Fdi. Un clima che in FI invece rigettano con nettezza tanto che da Arcore filtra in serata la piena convinzione di Berlusconi sulla scelta di Bertolaso.  Una scelta, sottolineano gli azzurri, confortata anche dai primi sondaggi che danno l'ex numero 1 della Protezione civile e Meloni più o meno a pari merito. Tutto ciò conferma che c'è un dna popolare e liberale e un dna populista e da politica vecchio stile, osservano i vertici azzurri descrivendo l'umore di un Berlusconi che, oggi più di ieri, si dice convinto a scendere personalmente in campo per il suo "candidato del fare". E Meloni? In Fdi si comincia già a lavorare su più liste d'appoggio, su una campagna economicamente e mediaticamente non facile ma che «toccherà l'orgoglio di essere romani». Una campagna che, solo nell'area del centrodestra vedrà in campo anche Francesco Storace (che lancia l'idea di primarie per il 3 aprile) e Alfio Marchini, a testimonianza di una balcanizzazione che al Pd non può far che piacere e che allontana, molto probabilmente, il traguardo di un ballottaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



7 commenti presenti
Io credo che sia la lotta a NON farsi eleggere. Per il semplice fatto che il disgraziato che sarà sindaco di Roma si brucerà la carriera così come il suo partito perderà molti punti. Facevano prima a far commissariare Roma senza buttare via i soldi per il teatrino delle elezioni.
Commento inviato il 2016-03-16 15:48:36 da Traboga
basta con questo femminismo!!!
Commento inviato il 2016-03-16 15:17:10 da kaoskaoskaos
solo una romana puo' seguire roma..e Bertolaso andasse a fare il nonno....
Commento inviato il 2016-03-16 14:37:25 da pandemonia
e il bambino lo tirano su i nonni ....si si bravissima ....devono essercene tanti da spartire.........di euri
Commento inviato il 2016-03-16 14:32:19 da Pierdamiano Savioli
Il ridicolo che avanza. Ma guardate i sondaggi, guardate i numeri,veramente credete che i romani abboccheranno? Che sia questa, o quell'altro, poco importa, è tutto ciò che rappresentate, e di destra non avete proprio nulla. Che vincano i pentastellati o meno,poco importa, in quanto attualmente alcun soggetto politico è adatto a governare la Capitale (che conta come il due di denari, quando la briscola è spade)!
Commento inviato il 2016-03-16 14:21:28 da MrProgettoOmega
Ma dai!!! ecco servito il teatrino strumentale per trasformare l'ipocrita Meloni nella paladina del femminismo moderno! E' tutta fuffa architettata a tavolino per dar lustro a loschi figuri d'innanzi agli occhi assenti ed intorpiditi del popolo!!!!
Commento inviato il 2016-03-16 13:33:13 da XRIZX
Brava sconfiggili tutti
Commento inviato il 2016-03-16 13:16:50 da makio

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui