Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 26 Aprile 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Un mese fa il dramma del Rigopiano, ancora senza un perché

1 COMMENTO
Un mese fa il dramma del Rigopiano, ancora senza un perché

Venerdì 17 Febbraio 2017, 08:46

di Mario Fabbroni
Rigopiano è un nome che resterà scolpito nella mente. Nove italiani su 10 forse non lo conoscevano oppure non c’erano mai stati: un mese fa ci sono andati tutti a Rigopiano. Li ha portati la tv, con quelle immagini piene di una neve tutt’altro che candida. Anzi, grondante di sangue innocente.  Un hotel di lusso che viene ingoiato da una valanga gigantesca che provoca 29 vittime: «Dovevamo rintracciare un albergo di 3 piani – racconta oggi Fabrizio Caudatella, vigile del fuoco ma soprattutto primo essere umano ad entrare nella sala biliardo del resort distrutto -. Tu pensi di trovare macerie e invece l’unica cosa che vedi è il bianco della neve Non riuscivamo a capire proprio dove fosse l’hotel». Un mese fa, la tragedia di Rigopiano ha trasmesso dolore, ansia, speranza, piccole gioie, fatica, ammirazione, frustrazione, desolazione per le vittime che non è stato possibile salvare.  Cosa ci ha lasciato? La sensazione che sarà difficile “farla pagare” a qualcuno. L’inchiesta non ha ancora indagati. Bisognerebbe almeno che la Giustizia accertasse violazioni ambientali, eventuali concessioni allegre, allarmi ignorati e incapacità di soccorrere subito quegli ospiti in vacanza. Telefonate, gestione delle turbine, degli spazzaneve erano già al limite per fronteggiare una situazione di eccezionale maltempo, con mezza Italia centrale isolata oppure al collasso. La Procura indaga per disastro e omicidio colposo, chissà ancora per quanto tempo.  Non resta che consolarsi con il racconto di Fabrizio, che ha estratto vivi tre bimbi dall’inferno bianco. «Il loro abbraccio lo porto sempre con me. Sono entrato lì dentro con una piccola telecamera quando riesco a vedere una faccina che esce dal buio e viene verso l’obiettivo. La faccina si illumina e muove le mani. È Ludovica. Urlo. “Come stai? Ci sono altre persone con te?”. Lei esce dall’inquadratura, pochi secondi e ritorna tenendo per mano altri due bambini. Li fa muovere. Una gioia incredibile». Sabato scorso sono andati tutti e quattro al cinema: hanno visto Lego Batman. Per i bimbi (e non solo per loro) il vero supereroe, però, era il vigile del Fuoco Fabrizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

1 di 1 commenti presenti
2017-02-17 09:52:21
Nessuno di noi dimenticherà mai ciò che è accaduto, spero che questo induca le famiglie a non mettersi più in viaggio per salire a 1200 metri quando vi sono allerte meteo per Buriana e gelicidi ovunque, si rischia la vita propria e dei soccorritori.