Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 28 Settembre 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Terremoto, danni per 3-4 miliardi di euro.
Renzi: "Ricostruiremo tutto com'era prima"

COMMENTA

Venerdì 23 Settembre 2016, 10:30

«Il nostro Paese ricostruirà i territori colpiti del terremoto come erano prima e più belli di prima». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in una conferenza stampa a Palazzo Chigi a un mese dal sisma che ha colpito il Centro Italia. «Il nostro obiettivo - ha aggiunto Renzi -, per le prime e le seconde case e per gli esercizi commerciali, è riportare tutto a come era prima». «La ricostruzione non sarà un fatto strettamente amministrativo. Valorizzeremo le comunità», ha ribadito.  «Il fatto che sia passato un mese ha abbassato le luci dei riflettori ma non toglie niente al dolore dei famigliari delle vittime e il nostro dovere è farci carico. Il primo grazie è a chi in ore emergenze si è attivato in un percorso complicato che ha visto in prima fila gli amministratori locali ben coordinati dal lavoro straordinario delle Regioni, un lavoro inspirato al principio di unità e solidarietà».   DANNI PER 3-4 MILIARDI «Il danno non sarà meno di 3-4 miliardi, una cifra orientativa che temo non sarà inferiore». Lo dice il Capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio in conferenza stampa a Palazzo Chigi ad un mese dal sisma nel centro-Italia. Curcio, parlando di circa 3mila assistiti, ha confermato che per la costruzione delle 'casettè «ci vorranno 7 mesi di tempo al massimo».  DECRETO ENTRO INIZIO OTTOBRE Il decreto sul sisma sarà approvato dal Consiglio dei Ministri «non oltre il 2-3 ottobre». Lo ha detto Vasco Errani, Commissario straordinario per la ricostruzione. Errani ha spiegato che «proporrà un meccanismo chiaro di riconoscimento pieno dei danni del terremoto: non ci troveremo a discutere ogni anno le quote per il risarcimento. È una scelta che credo possa rappresentare per le popolazioni un messaggio di impegno e serietà». «Faremo una ricostruzione nel miglioramento e nell'adeguamento sismico che assicuri che con un 6.0 non ci siano crolli e in quei comuni non si rischierà più la vita», assicura Errani, nella conferenza stampa a Palazzo Chigi per illustrare lo stato dell'arte ad un mese dal terremoto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui