Timbrano il cartellino con un sms e tornano a casa con l'auto di servizio: polizia nella bufera
di Olivia Bonetti

Timbrano il cartellino con un sms e tornano a casa con l'auto di servizio: polizia nella bufera

BELLUNO - La Procura ha chiuso nei giorni scorsi le indagini dell'inchiesta sul presunto peculato di 30 agenti della polizia provinciale che utilizzavano le auto di servizio per andare e venire da casa. Il tutto ovviamente con carburante e usura dei veicoli a spese della Provincia.

Secondo l'ipotesi formulata dal procuratore Francesco Saverio Pavone gli agenti avrebbero utilizzato in maniera reiterata e illecitamente le auto di proprietà dell'amministrazione provinciale.

Secondo quanto sostenuto dall'ente invece era tutto regolare: perché c'era un atto, un regolamento, con parere di legittimità che autorizzava gli agenti ad andare a casa con l'auto di servizio.

Infine la sorpresa emersa nelle indagini: i poliziotti provinciali attestavano la loro entrata e uscita dal servizio non certo con il cartellino, ma con un semplice sms...
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 10:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-12-02 10:22:24
tutto in regola il regolamento se lo sono fatti loro .anche quello di timbrare con un sms,cosa c'è di strano lo fanno tutti in parlamento
DALLA HOME