Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Venerdì 27 Maggio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

"Porti jella", e fanno gli scongiuri: ragazzina
12enne presa in giro dai bulli perché bella

COMMENTA
"Porti jella", e fanno gli scongiuri: ragazzina
12enne presa in giro dai bulli perché bella

Venerdì 12 Febbraio 2016, 15:59

Una ragazzina di 12 anni che frequenta una scuola media di Nuoro, è stata perseguitata per nove mesi da centinaia di studenti dai 12 ai 15 anni, provenienti dalle quattro scuole medie della città, con insulti e maldicenze di ogni genere: "porti jella", le dicevano. Dopo mesi di silenzi e lacrime, la dodicenne si è aperta con i genitori, che hanno reagito consegnando la lista dei bulli con nomi e cognomi sia alla Questura di Nuoro che ai dirigenti degli istituti cittadini frequentati dai ragazzi.  La notizia è stata confermata dal questore aggiunto del capoluogo barbaricino, Fabrizio Mustaro, coordinatore dell'Osservatorio territoriale anti-bullismo. "Fatti come questo - spiega - dimostrano come sia necessaria una concreta attività di prevenzione e come siano indispensabili progetti anti-bullismo nelle scuole. L'attività di prevenzione passa anche attraverso un maggiore impegno degli adulti e dei genitori in particolare, che hanno il dovere di controllare i propri figli e non di difenderli a ogni costo. Il loro compito - sottolinea Mustaro - deve essere quello di curare l'intelligenza emotiva e l'empatia dei propri figli, perché solo così li si può rendere responsabili delle proprie azioni e consapevoli della sofferenza delle vittime di prepotenze". La Polizia di Stato ha messo a disposizione un numero gratuito, il 43002, al quale vittime e testimoni di prepotenze possono inviare un sms per chiedere aiuto.  Il caso della 12enne è iniziato a metà dello scorso anno scolastico, innescato da alcune compagne di scuola della prima media - forse ingelosite per la bellezza della ragazza che ha un fisico da modella - che la definivano "una poco di buono". Nei mesi successivi si è scatenato il tam-tam impietoso contro la ragazzina, indicata come una persona che "porta jella". Lei incassava ogni giorno ingiurie e gesti scaramantici: in tanti quando passava si toccavano i genitali. Quindi il crollo e la confessione ai genitori con quest'ultimi che hanno deciso di reagire consegnando in Questura la lista con nomi e cognomi dei bulli.
 
 

"Porti jella", e fanno gli scongiuri: nel mirino dei bulli perché bella

Pubblicato da Leggo - Il sito ufficiale su Venerdì 12 febbraio 2016
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui