Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Martedì 23 Maggio 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Milano, ancora ricoverati l'agente e il militare accoltellati alla stazione centrale: l'aggressore è un ventenne

4 COMMENTI

Venerdì 19 Maggio 2017, 07:50

Sono ancora ricoverati, coscienti e sotto osservazione, l'agente della Polfer e il militare semplice dell'Esercito accoltellati da un ventenne nella serata di ieri in Stazione Centrale a Milano, mentre un caporale maggiore è stato dimesso con prognosi di 7 giorni. Lo rende noto la Questura di Milano. Il feritore, arrestato per tentato omicidio, è un ventenne italiano, di madre italiana e padre magrebino. Sono in corso le indagini coordinate dal questore - spiega una nota - a cura della Squadra Mobile, della Digos e della Polfer, con la Polizia Scientifica e le Volanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

4 di 4 commenti presenti
2017-05-22 14:38:38
Ringraziate pure il sindaco.
2017-05-19 17:07:39
E vogliono fare pure la marcia per i migranti,ma fare invece una marcia per l'accoglienza dei poveri turisti costretti a passare dalla stazione dove avvengono tali gravi episodi?E fare una marcia per i diritti e la sicurezza degli italiani costretti a pagare le tasse per poi vivere in tale degrado urbano? No,eh!!!!
2017-05-19 11:21:21
Le risorse non hanno niente da perdere, un impiegato statale di Alta Moralità con famiglia da mantenere ha terrore di perdere sia il posto che la rispettabilità sociale. Poi in carcere i migranti,ricevono vitto e alloggio, TV, possono laurearsi gratis, e la sanità gli spetta per diritto. Possono partecipare ad attività ludico-ricreative, come il teatro, attività fisica etc. Insomma da noi i carcerati vengono trattati con i guanti gialli, gli danno perfino le sigarette.
2017-05-19 09:06:11
tre uomini armati feriti da una risorsa armata di coltello,sono a salve le armi o hanno paura delle leggi italiane meglio morire che fin ire in carcere