Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Venerdì 9 Dicembre 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Marò, "Girone torni o aspetterà altri 3-4 anni".
L'India gela l'Italia: richiesta inammissibile

3 COMMENTI
Marò, "Girone torni o aspetterà altri 3-4 anni".
L'India gela l'Italia: richiesta inammissibile

Mercoledì 30 Marzo 2016, 11:01

 ROMA - Considerato che il procedimento arbitrale sul caso marò «potrebbe durare almeno tre o quattro anni», Salvatore Girone rischia di rimanere «detenuto a Delhi, senza alcun capo d'accusa per un totale di sette-otto anni», determinando una «grave violazione dei suoi diritti umani». Per questo il Fuciliere «deve essere autorizzato a tornare a casa fino alla decisione finale» dell'arbitrato. Così l'ambasciatore Francesco Azzarello, agente del governo italiano, nell'udienza al Tribunale arbitrale che si è aperta stamani all'Aja.  «Non si tratta di essere ottimismi o pessimisti, ma ovviamente l'Italia nutre speranze, basate su solide motivazioni giuridiche e umanitarie, altrimenti non sarebbe venuta. Sarà poi il Tribunale arbitrale a decidere a favore o contro la richiesta italiana e in quali termini», ha aggiunto Azzarello parlando con i giornalisti italiani a margine dell'udienza. «Al Fuciliere Girone vogliamo dire che l'Italia continua a lavorare con l'usuale e indispensabile discrezione, per lui e per il Fuciliere Latorre. A entrambi va il nostro pensiero affettuoso», ha spiegato.   Come ogni settimana, il marò Salvatore Girone si è presentato puntuale stamattina al commissariato di polizia di Chanakyapuri, nei pressi dell'ambasciata d'Italia a New Delhi dove risiede da oltre tre anni. Il Fuciliere di Marina era accompagnato dall'addetto militare Roberto Tomsi. Si è trattenuto negli uffici circa 15 minuti per espletare le formalità relative all'obbligo della firma settimanale stabilito dal regime di libertà provvisoria dietro cauzione in cui si trova dopo l'incidente del febbraio 2012 in cui sono morti due pescatori keralesi. All'uscita Girone, in giacca e cravatta, è sembrato disteso, ma non ha rilasciato dichiarazioni.   LA REPLICA DELL'INDIA. La richiesta italiana di far rientrare Salvatore Girone in patria è «inammissibile». È quanto si legge nelle Osservazioni scritte dell'India, depositate al Tribunale arbitrale il 26 febbraio scorso e rese pubbliche oggi in occasione dell'udienza sul marò all'Aja. «C'è il rischio che Girone non ritorni in India nel caso venisse riconosciuta a Delhi la giurisdizione sul caso», prosegue il documento. «Sarebbero necessarie assicurazioni in tal senso» dall'Italia, che finora sono state «insufficienti».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



3 commenti presenti
Siamo arrivati alla frutta. Non siamo in grado di farci rispettare, di riportare un Nostro connazionale a casa sua, di ridarlo alla sua famiglia ed ai suoi affetti. Chiudere l'ambasciata indiana in Italia? Ma anche tutte le loro attività commerciali. Capiterà un incidente diplomatico? Tanto meglio a questo punto...!!!
Commento inviato il 2016-03-31 08:44:11 da Stefano_P
bene... iniziamo a chiudere l'ambasciata indiana in italia... haaaa già c'è renzi al governo.
Commento inviato il 2016-03-30 14:16:45 da DarT760
L'Italia non deve garanzia alcuna ad un governo sequestratore che tiene un militare in ostaggio e senza aver prodotto un capo d'accusa in n più di tre anni. Semplicemente, lo usano come arma di ricatto per continue pretese economiche.
Commento inviato il 2016-03-30 13:03:04 da Forzanovista

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui