Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Lunedì 29 Maggio 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Ferrara, marito e moglie uccisi in casa: "Avevano sacchetti di plastica in testa"

COMMENTA
Ferrara, marito e moglie uccisi in casa: "Avevano sacchetti di plastica in testa"

Martedì 10 Gennaio 2017, 17:03

È arrivato a casa dopo pranzo, dopo aver mangiato da un amico, e ha trovato i suoi genitori morti, nella casa dove abitavano a Pontelangorino, località del Ferrarese. Il corpo del padre Salvatore Vincelli, 59 anni, era nel garage, con la testa avvolta da un sacco di plastica ed evidenti e gravi lesioni al capo, hanno visto poi gli inquirenti. Il corpo della madre, Nunzia Di Gianni, 45 anni, era in cucina, nelle stesse condizioni dell'uomo.     A trovare i genitori morti nella casa di via Fronte Primo Tronco 100/A è stato il figlio 16enne, che poi ha chiamato i vicini e quindi i carabinieri. Le vittime sono i titolari del ristorante La Greppia di San Giuseppe di Comacchio. La coppia aveva due figli, il 16enne che ha ritrovato i loro corpi e un altro più grande che vive e studia cinema a Torino. In breve tempo sul teatro del duplice omicidio si sono portati i carabinieri con i colleghi della Scientifica, mentre i rilievi sono stati coordinati dal pm di turno, Giuseppe Tittaferrante. Il fatto che siano stati trovati in due punti diversi della casa farebbe supporre che siano stati uccisi in due momenti diversi. Ed è possibile dalla stessa persona. Le ipotesi avanzate al momento dagli inquirenti parlano di un duplice omicidio commesso da una persona che conosceva la casa: non vi sono segni di effrazioni o forzature alla porta, non vi sono ammanchi di soldi, nonostante ve ne fossero, visti gli incassi del ristorante. Per ora sono aperte tutte le ipotesi, con la certezza che si tratterebbe di un duplice omicidio - e non di un omicidio-suicidio, ipotesi avanzata nei primi momenti e prima del sopralluogo - viste soprattutto le lesioni che i due hanno a quanto risulta sulla testa.     E soprattutto è esclusa anche una rapina o una sorta di ritorsione visto che la coppia e la famiglia non avevano avuto nessun problema. Nelle prime ore delle pomeriggio i carabinieri hanno ascoltato amici e conoscenti del 16enne, che si erano radunati nei pressi della casa, per riscontrare i suoi movimenti. Oggi non era andato a scuola, ieri sera aveva dormito da un amico, e poi a pranzo aveva mangiato dallo stesso. Poi l'arrivo a casa e la scoperta dei genitori uccisi, trovati con la testa massacrata e buste di plastica attorno, a nascondere tutto.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti