Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 27 Luglio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Maltrattamenti e botte agli anziani:
sette arresti in una casa di riposo

COMMENTA

Venerdì 18 Marzo 2016, 09:54

Le telecamere nascoste dei Carabinieri hanno registrato oltre un centinaio di episodi fra violenze, ingiurie e maltrattamenti. Schiaffi o calci ma anche il divieto di bere o la mancata assistenza ad un anziano caduto a terra. Era, insomma, un vero e proprio lager - sostiene l'accusa - il reparto al secondo piano della casa protetta 'Villa Matildè di Bazzano di Neviano degli Arduini, paese della montagna parmense.  Una sezione speciale della struttura, e particolarmente delicato, perché riservato a sedici pazienti con problemi psichici o malati di Alzheimer: dodici di loro negli ultimi mesi sono stati vittima di ogni tipo di ingiurie. E sempre dodici sono gli operatori sanitari finiti nel mirino della Procura della Repubblica di Parma con l'accusa di maltrattamenti aggravati. Sette - di età compresa fra i 28 ed i 57 anni - sono da questa mattina agli arresti domiciliari, altri cinque sono indagati a piede libero anche se, per due di loro, il Gip si riserverà ulteriori decisioni dopo l'interrogatorio di garanzia.  Le indagini, condotte dai Carabinieri, sono scattate nell'ottobre dello scorso anno. In realtà nei mesi precedenti i militari avevano già ricevuto alcune voci su presunti maltrattamenti ma, a spezzare il velo di omertà che avvolgeva il reparto, ci ha pensato un'operatrice tirocinante. La donna, dopo pochi giorni di lavoro, ha denunciato uno degli episodi a cui era stata costretta ad assistere: un anziano obbligato per punizione a mangiare la pasta sul pavimento. I pazienti venivano poi minacciati con il bastone della scopa oppure presi a pugni e schiaffi e, se cadevano a terra, venivano lasciati anche per ore in quelle condizioni riuscendo a rialzarsi solo grazie alla collaborazione degli altri ospiti della struttura. Il gergo con cui gli operatori si rivolgevano loro andava da «ti prendo e ti butto giù dalla finestra» a «ti do un calcio nelle palle, vattene» passando per «scimmia, sgorbio, mammut, mostro schifoso».  Durante il servizio notturno non veniva in alcun modo prestata assistenza ma anche di giorno i pazienti erano spesso abbandonati a loro stessi: le immagini dei Carabinieri mostrano ad esempio un anziano che sale su un tavolo e si appoggia ad una finestra rischiando di precipitare nel vuoto e rimanendo in quella posizione per molti minuti. Un incubo continuo per gli assistiti che venivano pure presi in giro dagli assistenti sanitari. Uno di loro, ad esempio, mortifica un paziente barcollandogli davanti per simulare la malattia di cui lo stesso paziente era affetto; un'altra operatrice invece ripete, ridendo, i gemiti di un altro assistito.  «Sono stati toccati i più basilari diritti umani. Se un anziano chiedeva di andare in bagno non veniva accompagnato, stessa cosa se chiedeva del cibo o più semplicemente un bicchiere d'acqua», ha raccontato Giovanni Orlando, comandante della Compagnia Carabinieri di Parma ed anche per questo motivo «le indagini sono state particolarmente rapide. Temevamo seriamente per l'incolumità delle persone assistite». Sulla struttura parmense sono in corso anche le verifiche da parte dei Nas dei Carabinieri e dell'azienda Usl di Parma che ha una convenzione in corso. La Direzione Sanitaria di Villa Matilde risulta comunque completamente estranea ai fatti ed ha già provveduto a sostituire gli operatori coinvolti con altre personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui