Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Mercoledì 25 Maggio 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Loris, Veronica dai pm dopo le accuse al nonno.
Il legale: "Ha dato movente e arma del delitto"

COMMENTA
Loris, Veronica dai pm dopo le accuse al nonno.
Il legale: "Ha dato movente e arma del delitto"

Venerdì 19 Febbraio 2016, 12:24

Sono entrati nel carcere di Catania, verso le 10.30, il sostituto procuratore di Ragusa Marco Rota, il capo della Squadra mobile Antonino Ciavola e il capitano dei carabinieri Domenico Spadaro per interrogare Veronica Panarello dopo le sue ultime rivelazioni sull'uccisione del figlio Loris, di otto anni. La donna ha chiamato in correo il suocero Andrea Stival sostenendo che sia stato lui ad ucciderlo.   "Darà nuovi particolari" «Ho la convinzione che Veronica Panarello riconfermerà con dovizia di particolari quello che ha già detto alla psicologa o ai periti del gup, che potrebbe aggiungere dei nuovi particolari alla vicenda», ha detto l'avvocato Francesco Villardita, legale della madre di Loris, prima dell'interrogatorio in carcere della donna che ha accusato il suocero di essere lui l'assassino del bambino. «Se le sue accuse saranno confermate oggi davanti ai pm - ha aggiunto - avranno una valenza più pregnante nel processo. La sua versione dei fatti dovrà essere sottoposta al vaglio della magistratura, di polizia e carabinieri».   "Dichiarazioni forti perché dà movente e arma del delitto" «Le dichiarazioni di Veronica Panarello sono forti perché forniscono movente, complice e dinamica del fatto, e fornisce anche l'arma del delitto», ha aggiunto il legale. «Per la prima volta - ha aggiunto il penalista - si parla di omicidio e non di incidente e c'è una chiamata in correità. Io ho visto la signora Panarello due giorni fa e l'ho trovata decisa a riconfermare la sua versione dei fatti e ci auguriamo che stamattina faccia luce e chiarezza su questa misteriosissima vicenda».  I cronisti che gli hanno chiesto il valore della credibilità visto il cambio di versioni fornita da Veronica Panarello, l'avvocato Villardita risponde: «Quelli non erano racconti, ma la signora ha riferito quello che ricordava in quel momento, fino alla visita al cimitero dove è sepolto Loris, quando ha incominciato a ricordare tutto». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui