Leonardo Vitale, 32 anni fa veniva ucciso il primo pentito di mafia

  • 6
    share
di Luigi Garofalo
Il 2 dicembre 1984 viene ucciso Leonardo Vitale, il primo pentito di mafia. Il primo a pronunciare alla magistratura: “Cosa Nostra”. Il primo a fare i nomi di Totò Riina e di Vito Ciancimino, ex sindaco di Palermo. Ma non viene creduto dalla magistratura perché considerato “pazzo”, infatti è dichiarato seminfermo di mente. Per questo motivo è sottoposto a elettrochoc e recluso per 11 anni in manicomio criminale.

Sei mesi dopo essere uscito dal manicomio viene ucciso dalla mafia, che, a differenza della giustizia e dello Stato, percepisce l’importanza e la pericolosità delle sue dichiarazioni. La mafia lo uccide per cercare di fermare subito il nascente “pentitismo”. Giovanni Falcone dirà: “Speriamo almeno da morto qualcuno lo rispetti”.

 
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 10:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME