Gardaland senza corrente: famiglia soccorsa sulla giostra a 30 metri d'altezza

  • 658
    share
Gardaland inaugura la stagione 2017 col brivido. Proprio nel giorno d'apertura di Gardaland Resort, nel parco di divertimenti, si è bloccata l'attrazione «Sequoia Adventure» mentre saliva su un rampa a diverse decine di metri da terra (almeno 30).

È intervenuto il personale di sicurezza del parco: gli addetti hanno risalito l'attrazione, liberato e infine portato in salvo i visitatori, un paio di famiglie con bambini ovviamente piuttosto agitate per il trambusto. La più "a rischio" è stata una famiglia israeliana rimasta bloccata più a lungo.


 
 


I quattro, che non hanno riportato alcuna conseguenza, sono stati raggiunti dalla squadra di pronto intervento del Parco, grazie alla scala d'emergenza, e riportati a terra.

 E su twitter è scoppiata la rivolta. «Prima volta a Gardaland e tutti i giochi sono bloccati. Manca elettricità», scrivono. E ancora: «È chiaramente una mossa per battere un nuovo record: la fila più lunga all'ufficio reclami».

 
 

"GUASTO NOSTRO, ENEL NON C'ENTRA" «A seguito di ulteriori e più approfondite verifiche effettuate congiuntamente nel corso di tutto il pomeriggio dai tecnici di Enel e da quelli di Gardaland, è emerso che lo sbalzo di energia verificatosi non è da imputare all'Enel ma ad un guasto sulla rete interna del Parco».

Lo precisa l'ad di Gardaland, Aldo Maria Vigevani. «Gardaland - aggiunge - si scusa con Enel per aver erroneamente imputato loro, in un primo tempo, la responsabilità del problema riscontrato».


ENEL: "NO DISSERVIZI SU LINEE PARCO" E-distribuzione, società del Gruppo Enel per la gestione della rete elettrica, in una nota, «smentisce di aver avuto alcun disservizio sulle proprie linee che alimentano il Parco Divertimenti di Gardaland. La circostanza è già stata verificata direttamente con gli Uffici Tecnici del Parco Divertimenti stesso».





C'É CHI SCHERZA, «ADRENALINA VERA» «Finalmente Gardaland è riuscito a fornire adrenalina allo stato puro, non dettata dai salti nel vuoto delle giostre». La prende con filosofia e ironia un gruppo di amici, tre ragazzi e tre ragazze di Mantova in gita a Gardaland nel giorno dell'inaugurazione.

«Non potevamo mancare all'apertura - afferma Jacopo mentre abbraccia Laura - anche perché ogni anno veniamo per farci l'abbonamento stagionale». «Ma quale paura - risponde Federico, giovane autotrasportatore arrivato nel parco assieme a Nicole - semmai curiosità. Sono cose che possono capitare». «Non sappiamo di chi siano le responsabilità - sostiene Gianluca commercialista lombardo più preso a rincorrere i figli che a rispondere ai cronisti - ma certo mi sembra che sia andato tutto bene. Pensate a quelli rimasti bloccati sulla funivia del Bianco. Quella era vera adrenalina».

Sabato 8 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME