Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Lunedì 26 Giugno 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Tangenti, l'impiegata incorruttibile spostata di ufficio "per punizione". "Il dirigente la odia, lei piange"

3 COMMENTI
Tangenti, l'impiegata incorruttibile spostata di ufficio "per punizione". "Il dirigente la odia, lei piange"

Martedì 20 Giugno 2017, 09:48

di Elena Filini
TREVISO - Anna Boneschi, la funzionaria non corruttibile e perciò trasferita per punizione all'ufficio di Treviso dal primo gennaio 2016, da ieri è in ferie. Così almeno fa riferire Antonio Zaffino, direttore provinciale dell'Agenzia delle entrate del capoluogo, oltre la parete del suo studio al terzo piano di uno dei palazzi all'Appiani. Che le domande non siano gradite non è, come previsto, una sorpresa. Che per avere un non incontro si debbano percorrere due stabili diversi, un dedalo di corridoi, un rebus di campanelli fino ad ottenere un pass per ricevere una risposta telefonica, conferma la sensazione di impenetrabilità che nel sentire comune è associata a questo luogo. Facce tese e poche parole: sull'inchiesta di corruzione che sta mettendo in imbarazzo il fisco, qui vige il massimo riserbo. Ma nell'aria quelle intercettazioni pesano. 
Pesa la voce del dirigente veneziano Elio Borrelli mentre, in un incontro all'Holiday Inn di Marghera rassicura l'amico Aldo Bison sul trasferimento della funzionaria onesta. «L'abbiamo mandata a Treviso, dal 1 gennaio... ma l'abbiamo messa sotto un direttore provinciale che la odia - conferma soddisfatto - sta piangendo da due giorni». Milanese, 51 anni ad agosto, una laurea in economia aziendale alla Bocconi, Anna Boneschi viene assunta all'agenzia delle entrate nel 1997. Il suo è un ruolo chiave: ricopre infatti la carica di capo ufficio controlli della direzione provinciale di Venezia fino al 2015. In questi anni entra in contatto con il sistema di corruttele di Borrelli. Mettendosi però di traverso. Di fronte alla sua irreprensibilità in un primo tempo si deve cedere e accettare le contestazioni. Ma, alla lunga, il funzionario esemplare diventa un problema da risolvere: e così in pochi mesi si profila il trasferimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

3 di 3 commenti presenti
2017-06-20 12:07:53
Per questo motivo sono quasi tutti corrotti e corruttibili in Italia, perchè o ti adatti al sistema, o sei emarginato/odiato e/o addirittura allontanato/a. VERGOGNA. Invece di premiata la lealtà ed onestà.
2017-06-20 11:55:31
in talia purtroppo funziona così,,,,,si puniscono le persone pulite, oneste invece dei corrotti e corruttori,,,,vergogna!!!!!!!voglio sperar che alla luce del fatto siano licenziati i responsabili
2017-06-20 10:19:34
questo è la fogna odierna ,complimenti signora ce ne fossero di più