Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Giovedì 30 Giugno 2016 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Delitto di Pordenone. Rosaria, la fidanzata
ossessiva tra bugie e "pizzini" alle amiche

COMMENTA
Delitto di Pordenone. Rosaria, la fidanzata
ossessiva tra bugie e "pizzini" alle amiche

Mercoledì 9 Marzo 2016, 09:05

Pordenone. Un braccialetto elettronico segue tutti i movimenti di Mariarosaria Patrone nella sua casa di Somma Vesuviana in Campania. La studentessa all'ultimo anno di giurisprudenza all'Università Federico II di Napoli è attualmente agli arresti domiciliari per la sua «ininterrotta continuità nell'azione di favoreggiamento». Secondo il gip di Pordenone, infatti, ha continuato a mentire agli inquirenti per coprire il fidanzato, Giosuè Ruotolo, l'aspirante finanziere conosciuto sui banchi di scuola nel 2007. Nel 2012, quando viene assegnato al 132° Reggimento carri di Cordenons, comincia a soffrire per un amore che risente della distanza. È gelosa, fino a diventare ossessiva. Non approva per niente le frequentazioni del suo Giosuè, in particolare Trifone, ritiene che sia una cattiva compagnia. Giosuè le racconta del commilitone pieno di fascino e appassionato di pesi e palestra. E lei, a casa, si fa mille pensieri. Non vuole che il fidanzato lo frequenti. Lo ripete anche alle amiche. Riuscirà a inventarsi un'aggressione e riferire a Giosuè che il mandante è Trifone.    Gelosia e bugie. È stata verbalizzata due volte, a Pordenone e a Somma Vesuviana. Ha subito ore e ore di domande, anche quelle più intime, senza mai mostrare alcun segnale di cedimento. Quando poi alla fine si è ritrovata indagata per favoreggiamento o in alternativa concorso morale nell'omicidio, ha scelto il silenzio durante l'interrogatorio. Si è limitata a precisare che il profilo Facebook anonimo era stato creato soltanto per fare uno scherzo. Ma sa che quel profilo è importante ai fini delle indagini. «Giosuè non ha un alibi, sono preoccupata», aveva confidato alle amiche in tempi non sospetti, a maggio 2015, quando Ruotolo non era ancora indagato. «Se scoprono il profilo, Giosuè rischia la carriera». Si spinge perfino a ipotizzare di aver «esasperato Giosuè fino a indurlo a uccidere». Perchè questi pensieri? E perchè, quando scopre che le amiche sono state convocate dai carabinieri, fa pressioni perchè non parlino del profilo Facebook? È andata a trovarle a casa. «Mi ha fatto spostare il telefonino per paura di essere intercettata - ha raccontato una delle testimoni - poi mi ha allungato un bigliettino...». Pizzini. Già. Proprio pizzini. Rosaria ha usato anche questi mezzi per non farsi intercettare dai carabinieri. Un profilo decisamente dominante e inquietante per il ruolo che aveva nella relazione con la sua continua gelosia e con le pressioni sul fidanzato.  c. an.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



0 commenti presenti

PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.


Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui